Milano - A 1 anno e mezzo positivo alla cocaina

droga cocainaA Vimodrone un bambino di un anno mezzo è risultato positivo alla cocaina

Uno spiacevole episodio avvenuto qualche giorno fa a Vimodrone, in provincia di Milano, ove alcuni passanti, dopo aver osservato una donna visibilmente ubriaca con un bambino in fasce tra le braccia, hanno tempestivamente allertato i militati della Compagnia di Sesto San Giovanni i quali sono prontamente intervenuti sul posto.

Il piccino è stato, dunque, salvato dai Carabinieri mediante la miracolosa telefonata dei passanti. Difatti, una volta giunti sul posto, i militari hanno accompagnato ambedue presso il nosocomio di Sesto San Giovanni al fine di sottoporre entrambi ai dovuti accertamenti.

Dai suddetti, si evince quanto segue: la madre è risultata positiva all'alcool e a diverse sostanze stupefacenti; contestualmente, i medici hanno sottoposto ai test anche il figlio della donna (una ragazza di 25 anni di origini sudamericane), il quale è risultato positivo alla cocaina, assunta presumibilmente tramite latte materno.

Come, altresì, evidenziato dal sito dell'Ansa, il piccino è stato ricoverato nel reparto di pediatria del suddetto ospedale; mentre, il Tribunale per i Minorenni di Milano ha disposto che il piccolo sia temporaneamente affidato all'ospedale in attesa di essere collocato in una struttura protetta. Nel contempo, la madre sarebbe riuscita a fuggire, ma, per buona sorte, è stata rintracciata.

La spiacevole vicenda raccontata dettagliatamente: l'intervento dei Carabinieri, la reazione della madre e le sorti del piccino

La madre del piccolo di solo un anno e mezzo risultato positivo alla cocaina è una ragazza di 25 anni, di origini sudamericane. Quando i militari della Stazione di Sesto San Giovanni l'hanno bloccata, a Vimodrone (sempre nel milanese), era sotto l'effetto di alcool e molteplici sostanze stupefacenti, come comprovato anche dai consecutivi controlli sottoposti in ospedale.

Inoltre, la giovane donna avrebbe, poi, tentato di fuggire dalla suddetta struttura sanitaria, abbandonando, dunque, il figlio e cercando riparo in un appartamento sito in via Padova.

Fortunatamente, i carabinieri della Stazione di Sesto San Giovanni sono riusciti a rintracciarla prontamente nel suddetto appartamento ove aveva tentato di trovare rifugio.

E ora su questa amara e triste vicenda familiare, la quale è accaduta nei giorni scorsi, è intervenuto il Tribunale per i Minorenni di Milano, chiamato a decidere sul futuro del bambino di un anno e mezzo. Stando a quanto deciso celermente, il piccolo per ora è stato, temporaneamente, affidato alle cure del suddetto ospedale, ma, purtroppo, nel suo futuro invece ci sarà il collocamento in una struttura protetta.

Eleonora Boccuni

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.