Rozzano: Estate 2018 Allarme legionella

batteriNelle acque del quartiere Alboreto (Rozzano) è stata riscontrata la presenza di legionella

Allarme legionella, una delle ultime e gravose problematiche che, nell'ultimo periodo, stanno attanagliando la circoscrizione territoriale appartenente alla provincia milanese.

Recentemente, il batterio della legionella si è annidato anche nelle acque del quartiere Alboreto di Rozzano. Difatti, i cartelli installati nella suddetta località riportano testuali parole: “A seguito delle analisi delle acque è stata riscontrata la presenza di legionella”.

I prelievi hanno, dunque, certificato e comprovato la presenza del batterio in questione, tanto da indurre l'Amministrazione Comunale a riportare un elenco di indicazioni e regole da rispettare al fine di non contrarre la malattia che, nei giorni scorsi, iniziava a mietere vittime (per la precisione tre) e decine di contagiati a Bresso.

Di seguito, le scrupolose indicazioni - precauzioni:

Non utilizzare acqua calda; sostituire i filtri e / o lavarli accuratamente; lasciar scorrere l'acqua calda e poi fredda prima di utilizzarla; allontanarsi dai rubinetti e aprire le finestre per evitare di inalare particelle infette; non lasciare canne per l'irrigazione esposte al sole ed evitare di utilizzare l'acqua del rubinetto per ricaricare apparecchi e dispositivi per aerosol e ossigenoterapia”.

Quindi, a seguito della campionatura anti-legionella, a breve si procederà con l'intervento di sanificazione anche a Rozzano.

Contestualmente, mentre l'Amministrazione Comunale procede a fornire indicazioni dopo le campionature dell'acqua effettuate nell'impianto idrico – sanitario da parte di Ats, in attesa di dare esecuzione all'intervento di sanificazione dell'impianto come previsto dalle normative vigenti, il primo cittadino del loco cerca di rassicurare la cittadinanza asserendo quanto segue: “Voglio rassicurare i cittadini: l'intervento di disinfezione è già in atto e ATS ci ha confermato che non ci sono rischi per la salute pubblica – esplica il sindaco Barbara Agogliati – Alla fine del processo di sanificazione saranno effettuate nuove analisi dell'acqua al fine di scongiurare la presenza del batterio della legionella”.

Nel contempo, l'Amministrazione Comunale, costantemente in contatto con le autorità sanitarie, precisa e comunica alla cittadinanza che la legionella è un batterio che prolifica solo a temperature comprese tra i 24 e i 45 gradi e, in aggiunta, in presenza di acqua stagnante. Al di sotto dei 20 gradi (temperatura dell'acqua fredda dei rubinetti) il batterio dianzi menzionato non cresce e non è pericoloso.

Inoltre, si tiene ancora una volta a precisare che il contagio avviene solo ed esclusivamente mediante l'inalazione di gocce minuscole, per cui non si trasmette da persona a persona, bevendo acqua o, altresì, attraverso gli alimenti.

Eleonora Boccuni

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.