• Home
  • CRONACA
  • Il Diavolo volerà in Paradiso? Intervista al vice presidente dei piccoli azionisti rossoneri

Il Diavolo volerà in Paradiso? Intervista al vice presidente dei piccoli azionisti rossoneri

avvocato la scala milanSeconda svolta in 15 mesi per il Milan. Al fantomatico mister Li è succeduto il fondo Elliott. I tifosi, da un primo scetticismo son passati all'euforia.

Per fare il punto della situazione, incontro il vice presidente dei piccoli azionisti rossoneri, l’avvocato Giuseppe La Scala. Siciliano di origine ma meneghino di adozione, mi riceve al sesto piano del suo regno, un elegante palazzo di via Correggio 43, interamente occupato dalle sue attività forensi.

Una nota è doverosa. L’intervista risale a venerdì 3 agosto, prima della designazione dirigenziale di Paolo Maldini. Perciò la risposta dell’avvocato, in merito, va inquadrata temporalmente.

  • Contento che il fondo Elliott abbia preso il controllo del Milan? Sostanzialmente, si. Vista anche la situazione in cui era precipitato il club.
  • Mister Li si è dimostrato peggiore delle peggiori previsioni. Poteva Berlusconi prevederlo in sede di passaggio di proprietà? Non lo so se il Cavaliere poteva prevedere. Questa è una domanda che dovrebbe rivolgere a Scaroni, uno dei registi dell’ operazione.
  • E’ pacifico che il fondo Elliott rivenderà il Milan dopo averne lustrato l’immagine e forse anche la bacheca. A chi, secondo lei? Non ritengo scontato che Elliott rivenda il Milan a  breve. Si sta comportando, infatti, in maniera anomala rispetto alle previsioni. Potrebbe tenere il Milan per anni.
  • E’  soddisfatto del nuovo consiglio di amministrazione rossonero?  Abbastanza. Anche se io avrei visto favorevolmente l’inserimento in esso di  Paolo Maldini.
  • Considera Leonardo un traditore o  semplicemente un pupillo di Galliani manipolato come allenatore e passato all’Inter per ripicca verso Berlusconi?  Leonardo non è un traditore. Ma  un professionista coi fiocchi. E lo hanno capito anche i tifosi più irriducibili.
  • Intanto la Juve compra  Ronaldo e il divario con il Milan cresce sempre di più……   Non sono d’ accordo. Con gli ultimi acquisti  rossoneri  il divario si è accorciato, invece.
  • Capitolo allenatore. La fiducia in Gattuso da parte di Elliot è reale o tra qualche mese vedremo Conte passeggiare in via Aldo Rossi?  Considero la smentita societaria riguardo a Conte piuttosto debole. Quindi……
  • Il Tas di Losanna ha  riammesso il Milan in Europa League, ribaltando, in sostanza, il  primo pronunciamento della Uefa. Qualcuno amaramente ho osservato che “ fra potenti ci si intende”.   L’avvocato La  Scala sorride e dice : “Proprio così. Tra potenti  non ci si fa la guerra…”.
  • Voci sussurrano che le mosse di Elliott abbiano un regista occulto : Adriano Galliani. Fanta calcio? Elliott non ha certo bisogno dei suggerimenti dell’ ex braccio destro di Berlusconi. E’ di una statura, rispetto all’ ex a.d. del Milan, decisamente superiore.
  • Ritiene uno stadio di proprietà urgente esigenza del Milan o  preferisce un san Siro restaurato e senza condivisione con i nerazzurri?  Da  tifoso   romantico preferirei  un san Siro restaurato. Ma senza  comunione con l’Inter. Altrimenti, ben venga un nuovo stadio  di  proprietà esclusiva milanista.
  • Ha mai intrattenuto il suo studio rapporti con Elliott ? Mai. Assolutamente.
  • Ritiene Hugian il centravanti ideale per il Milan ? Si.  Lo  preferisco di gran lunga a Morata.
  • Considera Caldara il nuovo Filippo Galli della difesa rossonera ?  Caldara diventerà un centrale fortissimo. La figura che serviva al Milan. E ai  bianconeri occorreva  Bonucci per dare l’assalto alla Champion.
  • Il comportamento di Bonucci l’ha sorpreso ?  Un poco. Ma non si conoscono i veri motivi del suo gesto. Mi sembra una persona a modo. Mai  giudicare senza  sapere.
  • E’  noto che la serietà  dei tifosi rivaleggia con quella della “donna mobile “ del  Rigoletto, di verdiana memoria. Un anno fa inneggiavano a Bonucci ; ora  spasimano per Higuan. E’ mai possibile un tifo ragionato?  Si, è possibile. A patto che i giornalisti siano più pacati  e  alle voci preferiscano i fatti.
  • Quali acquisti consiglierebbe a Leonardo?    Due centrocampisti :  Callejon e Milinjovic-Savic.   A costo di sacrificare Suso e anche Donnarumma.
  • Vorrei un suo giudizio su Fassone e Mirabelli. Fassone  ha  fatto una scommessa e l’ha persa. Considero invece Mirabelli una persona competente, arrivata al Milan nel  momento sbagliato.
  • Chiudiamo con una domanda “generalista “. Qual è stato a suo giudizio il giocatore rossonero più rappresentativo dal 1899 ad oggi?  Gianni Rivera.  Senza se e senza ma.

L’intervista si chiude  in una mattinata  tormentata dal caldo e dall'afa. Ma  i tifosi rossoneri sperano che il ciclone  Elliott di provenienza atlantica  sia benefico  e spazzi via solo i rottami cinesi e le furberie di qualche arrivista malintenzionato.

Gaetano  Tirloni

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.