• Home
  • ARTE
  • Paul Klee Tra la Germania e la Svizzera

Paul Klee Tra la Germania e la Svizzera

paul klee 1Paul Klee nacque il 18 dicembre 1879 a Munchenbuchsee, nei pressi di Berna.

Proveniente da una famiglia di musicisti, assunse la cittadinanza tedesca del padre, Hans, mentre la madre Ida era svizzera.

A sette anni Paul fu avviato allo studio del violino e diventò membro di un'orchestra, oltre a frequentare i corsi della scuola primaria, mostrando però fin da subito una forte propensione per il disegno, tanto che a tredici anni già riempiva innumerevoli taccuini di disegni, molti dei quali copie di calendari illustrati e d’illustrazioni provenienti da riviste.

Stanco della vita che conduceva al suo paese, Paul si trasferì a Monaco, dove s’iscrisse alla scuola privata di disegno di Heinrich Knirr, mentre l'incisore Walter Ziegler lo iniziava alla tecnica dell'acquaforte, oltre a fargli conoscere la vita artistica e culturale della cittadina tedesca.

All’inizio del Novecento Paul viaggiò per l’Italia toccando Milano, Genova, Pisa, Roma, Napoli e infine Firenze poi, tornato a Berna nel 1903, lavorò alla serie delle incisioni ad acquaforte, oggi note come Invenzioni.

La maturazione intellettuale e artistica di Klee era inarrestabile, ma nel 1907 la giuria di accettazione della Secessione primaverile di Monaco rifiutò le Invenzioni inviate dall'artista.

Come reazione Klee organizzò la sua prima personale, che si svolse al Kunstmuseum di Berna (agosto), alla Kunsthaus di Zurigo (ottobre), al Kunstandlung zum Hohen Haus di Wintertur (novembre) e alla Kunsthalle di Basilea (gennaio 1911).

Dopo poco tempo lo scrittore Alfred Kubin incontrò Klee ed espresse il suo entusiasmo per i disegni dell'artista, tra i due nacque una stretta amicizia, dimostrata poi da una fitta corrispondenza.

Nel corso dell'inverno il pittore fu ammesso nella cerchia del Der Blaue Reiter, la confraternita creata da Kandinsky, poi si recò a Parigi, visitò gli studi di Delaunay, Le Fauconnier e Karl Hofer, e si interessò alle opere di Braque, Picasso, Henri Rousseau, Derain, Vlaminck e Matisse.

Il 27 novembre 1913 fu annunciata la Nuova Secessione di Monaco, Paul Klee era parte del gruppo dei membri fondatori, mentre Franz Marc e Kandinsky si tennero in disparte.

Durante la prima guerra mondiale Klee fu inviato a Monaco con il secondo reggimento di fanteria di riserva., ma grazie agli amici influenti rimase lontano dal fronte fino alla fine del conflitto.

Terminato la guerra, nel maggio del 1920 alla Galleria Neue Kunst si tenne un'ampia retrospettiva dell'artista con 362 opere, ma l’ombra di Adolf Hitler si faceva sentire sempre di più nella Germania di quegli anni.

Quando Hitler divenne cancelliere del Reich, nell’aprile 1933 Klee ricevette la richiesta di certificare la propria origine ariana, ma l’artista si rifiutò e il 23 dicembre con la famiglia fuggì dalla Germania per far ritorno a Berna nella casa di famiglia.

Ormai vittima di una dolorosa sclerodermia, il 10 maggio 1940 Klee entrò in sanatorio per essere poi ricoverato, all'aggravarsi delle sue condizioni, all'ospedale di Locarno-Muralto, dove mori il 29 giugno.

Leggi anche

L’arte in mutamento di Pablo Picasso

L'affascinante bohémien Amedeo Modigliani

Marc Chagall. Come nella pittura così nella poesia

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.