• Home
  • TEATRO
  • La stagione del Teatro Fontana #IlTeatroCheFa

La stagione del Teatro Fontana #IlTeatroCheFa

foto2stagione fontana copy

Il programma del Teatro Fontana di via Boltraffio 21 è strutturato quest'anno all'insegna dell'incontro tra tradizione e modernità.

Il cartellone si presenta, infatti, ricco di proposte che vanno nella direzione della ripresa di alcuni importanti classici della storia del teatro, riletti a partire da uno sguardo tutto contemporaneo. Il tema dominante, in particolare, è quello dell'eredità e del rapporto tra le nuove generazioni e i lasciti più o meno significativi di chi le ha precedute.

La direzione artistica, affidata quest'anno a Rosella Lepore, ha scelto di puntare massicciamente sulla valorizzazione e lo sviluppo di personalità artistiche emergenti come Filippo Renda con la sua rilettura del Sogno di una notte di mezza estate di Shakespeare, fresco di debutto lo scorso giugno e nuovamente in scena al Fontana questa volta nel mese di maggio. Una rilettura che punta molto sulla dicotomia padri e figli/obbedienza e ribellione.

Parimenti di grande interesse risulta il lavoro dell'altro giovane regista Marco Lorenzi che con la compagnia Il Mulino di Amleto, porta in scena nel mese di novembre Platonov - Un modo come un altro per dire che la felicità è altrove, testo giovanile di Checov in cui possiamo già rintracciare in nuce le tematiche più importanti della poetica del grande drammaturgo russo.

Grande curiosità suscita poi il Ruy Blas di Victor Hugo, sempre a cura di Marco Lorenzi, in scena dal 25 al 28 ottobre dove il gioco dell'incontro con uno dei grandi classici ottocenteschi è spinto all'estremo e a proposito del quale il regista ha dichiarato: “è stato importante avvicinarci a Hugo con la coscienza (e incoscienza) di un gruppo di giovani e spericolati artisti che vivono nel mondo di oggi”.

Sempre in linea col filone dei classici/contemporanei Elsinor presenta l'altra nuova produzione, I Sei personaggi in cerca d'autore, con la regia di Michele Sinisi che, ancora una volta, come tutti i grandi registi che si sono cimentati col capolavoro pirandelliano proverà a scandagliare i meccanismi del teatro e a comprendere dove e come oggi si presenti la magia del teatro tra illusione e realtà.

Per gli appassionati del musical ci sarà da divertirsi con Supermarket- A modern tragedy opera del regista e compositore Gipo Gurrado, che analizza con surreale delicatezza e humour grottesco l'atmosfera di uno dei luoghi più (tristemente vien da dire) frequentati dagli esseri umani del XXI secolo, il Supermercato appunto con tutta la sua pletora di rituali assurdi e coreografie bizzarre di cui siamo tutti quanti protagonisti quotidianamente.

Chiudiamo questa presentazione con una panoramica sulle ospitalità che parteciperanno quest'anno alla stagione del Teatro Fontana. Tra queste citiamo, Frame, ispirato alle opere di Edward Hopper e firmato dal premio Ubu 2017 Alessandro Serra, e inoltre Guerra di Carlo Goldoni prodotto dal Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia nella versione curata da Franco Però.

Resta ricco il programma dedicato alla danza e alla musica con Ah- Um Milano Jazz Festival, Più Che Danza (dal 26 novembre al 2 dicembre) e il Festival Exister (dal 14 al 16 dicembre) giunto ormai alla sua dodicesima edizione.

Segnaliamo poi in questi giorni una coppia di interessanti spettacoli sulla figura di Amleto che il pubblico potrà ammirare negli splendidi chiostri adiacenti al Teatro Fontana, appunto Amleto di Michele Sinisi (dal 20 al 22 settembre) e Io sono. Solo. Amleto (dal 27 al 29 settembre) di Marco Cacciola.

Teatro Fontana

Via Boltraffio 21, Milano

Info e prenotazioni: 02/69015733

V.di anche  La stagione del Piccolo teatro di Milano- Teatro d'Europa 2018/2019

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.