Il bitcoin: questo sconosciuto

bitcoinIl bitcoin (cosiddetta criptovaluta) è una valuta digitale che funziona attraverso un apposito protocollo di comunicazione creato da un personaggio che a tutt’oggi si cela sotto lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto.

Gli economisti definiscono il bitcoin uno strumento di scambio di merci e servizi estremamente “volatile” poiché, a differenza della moneta tradizionale, non è gestito da un’autorità centrale, bensì semplicemente dal meccanismo di domanda e offerta dei mercati.

Il fatto che i dati relativi alle transazioni in bitcoin viaggino sulla rete per mezzo di un sistema crittografato, costituisce una garanzia di riservatezza per chi utilizzi questo mezzo di pagamento, che dunque non consente la decifrazione delle operazioni se non se ne possiede il codice. Tale modalità di trasferimento dei dati si traduce in una procedura di sicurezza per gli utenti, ciascuno dei quali possiede un indirizzo bitcoin riconducibile ad ogni pagamento: associata all’indirizzo c’è una chiave privata che funziona per apporre la firma digitale su ogni contratto, mentre la chiave pubblica in possesso della Rete bitcoin, viene da questa utilizzata per verificare la firma. E’ da tenere nella massima considerazione che in caso di smarrimento della chiave privata non c’è modo per l’utente di recuperare il denaro ad essa collegato.

Gli utenti possono comodamente conservare la documentazione delle loro transazioni in un portafoglio digitale, personalmente gestibile anche da un semplice smartphone o altro terminale. Il bitcoin può infine essere cambiato in varie valute come quella cinese, giapponese, russa, europea e statunitense.

Dunque, il bitcoin rappresenta per vari aspetti una realtà nuova, geniale, efficiente ed al passo con i tempi, tuttavia non pochi interrogativi sono legati al suo futuro, viste da un lato le fortissime resistenze di Stati e Banche Centrali, che sino a ieri avevano monopolizzato indisturbati tutti gli strumenti di politica monetaria, mentre oggi vedono sottratta al loro potere economico una consistente fetta di scambi, potenzialmente destinata a crescere; sotto altro profilo è lecito porsi talune obbiettive esigenze di una qualche regolamentazione di un enorme traffico di valori che si svolge in un circuito di scambio” internazionale, di fatto sottraendosi a qualsiasi forma di verifica da parte dei canali tradizionali, senza che sia possibile al momento stabilire se questo sia un bene o un male per gli utenti. Una cosa è comunque certa: il bitcoin è uno strumento che sarà impossibile ignorare.

Mirella Elisa Scotellaro

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.