Esodi. La stagione di Teatro I

02 lindifferenza ph nicolo deglincerti tocci 2 copy

La stagione di Teatro I è stata intitolata Esodi a indicare che la tematica del viaggio verso tutto ciò che è “oltre” i confini, fisici, culturali, politici e via dicendo sarà dominante nel contesto della proposta del piccolo ma interessante spazio di via Gaudenzio Ferrari.

Tra le proposte segnaliamo innanzitutto Tu es Libre di Francesca Garolla con la regia di Renzo Martinelli al ritorno dopo il successo della scorsa stagione (dal 14 novembre al 6 dicembre)  sulla storia di una giovane donna europea che decide di recarsi in Siria confrontandosi con un sistema sociale culturale e politico del tutto diverso rispetto a quello al quale è abituata. Sempre Martinelli e Garolla lavoreranno insieme ne Lo Straniero (maggio) tratto dal celebre libro di Albert Camus con la riflessione sul senso di estraneità che contraddistingue l'uomo contemporaneo.

Interessanti poi i lavori Penty sur le bande (febbraio) ispirato alla Pentesilea di Von Kleist con la riscrittura ad opera dell'autrice francese Magali Mougel e l'intepretazione di Viola Graziosi oltre a L'indifferenza (ottobre) di Pablo Solari inserito in Invito a Teatro, un thriller che costringe lo spettatore a prendere parte riguardo alle questione centrali dell'umanità in questo momento storico.

Da segnalare inoltre A tre kilometri dalla fine del mondo (dal 31 ottobre al 5 novembre) di Fulvio Vanacore con Vincenzo Giordano, spettacolo sul tema del cammino di Santiago de Compostela e Vieni su Marte (dicembre), una copruduzione Vico Quarto Mazzini e associazione culturale Gli Scarti che racconta della voglia di fuga dal pianeta terra verso un nuovo mondo in una rievocazione in chiave futuristica dell'immagine della terra promessa.

Chiudiamo questa presentazione con due lavori estremamente originali. Il primo Elephant Woman (gennaio) di Andrea Gattinoni con Silvia Lorenzo, produzione Teatro Filodrammatici, ha come oggetto la storia di una donna che abbraccia la ribellione come soluzione ultima alla mancanza di amore e alle desolanti prospettive del conformismo. Il secondo L'ospite una questione privata (giugno) di Oscar De Summa con la regia di Ciro Masella ci sfida a confrontarci con una situazione estrema. Cosa faremmo se rientrando a casa sorprendessimo un ladro con in mano uno dei nostri oggetti? Cosa prevarrebbe? La paura? La violenza? La vendetta? La risposta la potranno gustare gli spettatori a teatro.

Questo e molto altro offre la proposta di Teatro I sempre molto originale e capace di stimolare nel pubblico riflessioni profonde e di gettare uno sguardo attento sulle dinamiche della contemporaneità.

Teatro I

Via Gaudenzio Ferrari, 11

Info e prenotazioni: tel. 028323156

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.