Milan nuovo, vecchio rendimento

milan cuore rossoneroLa  sconfitta nel derby  brucia.  E i  Senior rossoneri - ovvero il club dei tifosi  con più di  sessant'anni -  si riuniscono per uno sfogo  e  per  un' analisi della  situazione che  solo  l' esperienza e le trascorse stagioni di vittorie  e di disfatte  consente. 

Già dopo  la sessione estiva di compra-vendite  diverse voci avevano  puntualizzato  che  il mercato di Leonardo non era  stato così  brillante  come  la maggior parte dei media evidenziavano .  A parte Higuain - che  però  ha bisogno di lanci precisi per  esaltarsi - , il  resto è un plotone di meteore. che solo il tempo dirà quanto valgono. Per ora,   hanno tutti deluso. A parte  Caldara,  forse,  bisognoso d'  impiegato  con maggiore continuità per  crescere. 

I  Senior invocano  Conte a  gran  voce.  Il solo,  anche a giudizio del cronista, capace  di rilanciare il  Milan.  Costa parecchio, ma  i successi  che  sicuramente  propizierà quanto  delizieranno  il  bilancio rossonero  ?  Tantissimo.

Gattuso è un aziendalista  fino  al midollo.  Ama il Milan  da quando   militava in prima  squadra e  ad  ogni  disfida  lasciava  sul terreno  un pezzo  del  suo cuore  per  impegno  ed  abnegazione.  Tuttavia ha dei limiti tecnici evidenti. E non è lontano  dal rendimento  del tanto vituperato  Montella. 

Ad ogni  papera  Donnarumma  viene messo sulla  graticola.  In  effetti il suo  contratto  gli pesa addosso come  un macigno.  Ma  la colpa è di Fassone  e  Mirabelli, che hanno  accettato  il  ricatto di Rajola.  Però,  comunque lo si squadri, il portiere  ha solo 19 anni e margini  di miglioramento immensi. Sarebbe  un grave  errore  cederlo.

Passiamo a  Leonardo. Il  colpo Paquetà lo  conferma  un abile negoziatore. Conosce a  menadito  l' infinito (quasi) serbatoio  brasiliano di giovani talenti.  Però  da lui  non si possono pretendere  miracoli. Il mondo del calcio è cambiato rispetto  a  quando  operava  per  conto  di Galliani.  Son  mutati, sopra tutto, i vertici, grazie ai multi miliardari (in euro) arabi, russi e asiatici.

Quando  Berlusconi  afferma che lui  non poteva competere con essi, dice una  mezza  verità. Perché  la  Juventus  dà lezioni di strategia   anche  a Paris  Saint  German,   Manchester, Chelsea e Real.  Ma  è vero che  lo scenario differisce moltissimo  da  quello  degli  anni Novanta.  Perciò,  a giudizio dei Senior  milanisti, per  ribaltare l' incerto inizio di stagione dei rossoneri,  occorre  ingaggiare  Conte  e nel mercato  di  gennaio  assoldare  almeno un forte  centrocampista. Di gregari  lo spogliatoio è zeppo.  Di  campioni, no.

Gaetano  Tirloni

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.