• Home
  • CRONACA
  • Milano – Rapinati in mezz'ora, caccia alla banda

Milano – Rapinati in mezz'ora, caccia alla banda

milano centro pixabayTre giovani ragazzi sono stati derubati in mezz'ora a Milano. Le vittime, ragazzi con un'età compresa fra i 20 e i 30 anni, sono state rapinate e aggredite con calci e pugni. È caccia alla banda

Proprio nella notte tra il 24 e il 25 novembre (giorno in cui si commemora la “violenza sulle donne”, ma che rammenta e ricorda che ogni forma di violenza è errata e disumana) sono state commesse tre rapine nei confronti di altrettanti giovani, il tutto nell'arco di solo mezz'ora.

Tale atto è stato perpetrato con violenza visto che, le povere vittime, sono state, altresì, aggredite con calci e pugni.

 

Le tre rapine e le vittime

Nella notte tra sabato e domenica, quindi tra il 24 e il 25 novembre, intorno alle ore 2.40, in zona Morivione, un gruppetto composto da circa 5/6 ragazzi, ha avvicinato un ragazzo italiano di circa 26 anni in piazzale Lodi. Il povero ragazzo è stato percosso e, dunque, colpito con calci e pugni e derubato del suo smartphone e del portafogli. Poco dopo, a distanza di soli dieci minuti, rispettando lo stesso modus operandi messo in atto contro la prima vittima, in via Pietrasanta la banda ha aggredito un ragazzo di 18 anni, portandogli via il portafogli. Alle ore 3,10 circa un altro ragazzo italiano, neo maggiorenne, è stato derubato allo stesso modo in via Pompeo Leoni. L'ultima vittima, però, ha tempestivamente allertato i Carabinieri, chiamando il 112 ai quali ha raccontato quanto accadutogli. Lo stesso ha riferito di essere stato picchiato e poi rapinato di €45 da un gruppetto composto da 5-6 individui.

 

I soccorsi dei sanitari del 118 e la descrizione dei rapinatori

Le tre vittime sono state soccorse dai sanitari del 118, rifiutando il trasporto presso il locale pronto soccorso. Inoltre, hanno descritto la banda dei rapinatori come di probabili origini nordafricane.

Indagini in corso da parte dei Carabinieri, intervenuti in tutti e tre i casi.

Eleonora Boccuni

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.