• Home
  • CRONACA
  • Donna bloccata nel parcheggio di Lampugnano: nessuna assistenza ATM

Donna bloccata nel parcheggio di Lampugnano: nessuna assistenza ATM

parcheggio lampugnano milano foto milanofreeIeri sera verso le ore 20 una donna è rimasta bloccata per quasi un ora nel parcheggio a pagamento di Lampugnano a Milano gestito da Atm.

Dopo una giornata di lavoro, la signora si apprestava a ritirare la propria auto dal parcheggio di Lampugnano, quando dopo aver tentato inutilmente di pagare la sosta alle casse automatiche con il bancomat, questo non veniva accettato.

Non avendo moneta ma solo una banconota da 20 euro, la signora si reca al gabbiotto atm Infopark  dove chiede che le venga cambiata per effettuare il pagamento alle casse automatiche visto che le stesse danno solo 9,90 di resto. La risposta degli addetti atm (ben 4 uomini) è davvero imbarazzante: Non cambiamo banconote, vada giù in metropolitana e se li faccia cambiare dal giornalaio.

cassa automatica parcheggio lampugnano foto milanofreeTornata in metro (Lampugnano M1) si reca dal giornalaio che a quell'ora è chiaramente chiuso. Chi frequenta il parcheggio e la zona della metro di Lampugnano ben conosce il viavai di persone e personaggi che stazionano con traffici più o meno leciti e molte donne si potranno sicuramente immedesimare in questa poco edificante situazione dove per burocrazia o meglio, per mancanza di un briciolo di cortesia, comprensione ed educazione, si viene abbandonati a se stessi senza un pizzico di aiuto e umanità.

A questo punto la signora non ha potuto far altro che cercare di cambiare il pezzo da 20 euro chiedendo ai passanti. Sconfortata e decisa a chiamare il 112 denunciando la situazione, ha finalmente trovato una persona di buon cuore che le ha cambiato la banconota in due pezzi da 10 e quindi ha potuto pagare alla cassa automatica e riottenere la libertà.

I "signori" atm che le hanno negato un aiuto mandandola allo sbaraglio con indicazioni errate sarebbero da tacciare di incompetenza e mancanza di umanità. Una vicenda che ha del vergognoso per una Milano che vuole essere efficiente, giusta ed accogliente.

Quanto vale 1 ora persa e l'umiliazione di dover mendicare un cambio di denaro a degli sconosciuti? Non avrebbero fatto meglio ad aprirle la sbarra chiedendole un documento e il pagamento il giorno successivo?

 

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.