Itadakimasu

In Giappone ci si siede a tavola e si dice Itadakimasu, una preghiera prima del pasto con la quale si ringrazia la terra che l’ha fatto crescere e gli animali, gli agricoltori fino alla cuoca che l’ha preparato.

giappone mostra 1E, dalla raccolta dei prodotti alla preparazione dei piatti, dall'invito a tavola all'assaggio olfattivo, tutto questo è raccontato nella mostra Itadakimasu, 16 scatti del fotografo trevigiano Marco Turchetto, che accompagnano il visitatore della Gastronomia Yamamoto, in centro a Milano, in via Amedei, alla degustazione visiva e non della cucina giapponese, fino al 31 marzo.

Turchetto, giornalista che coordina l'Ufficio Stampa della Questura ed è anche uno scrittore e autore di reportage fotografici per le edizioni A.car, girando per la sua città si è imbattuto nella gastronomia Yamamoto, facendo amicizia con Aya, la proprietaria.

Durante una serie di viaggi in Giappone alla scoperta delle 12 città che, a partire dal 20 settembre 2019, ospiteranno la Coppa del Mondo di rugby, proprio durante questi viaggi il fotografo ha immaginato il nuovo progetto, con un soggetto e una location fuori dal comune, le cucine dello street-food a Shinjuku Tokyo, con un'izakaya, la tipica trattoria, fino a immergersi nel vapore naturale delle cucine di Beppu.

La gastronomia è il modo ideale per immergersi in una cultura così distante e Itadakimasu facilita questo viaggio che può durare il tempo di un pranzo, con due foto a colori che accolgono i commensali, poi nel corridoio ci sono solo foto in bianco e nero, per un accompagnamento monocromatico che apre all'esplosione dei colori nella sala principale.

Come il riso per la cucina giapponese, al bianco fanno da controcanto le spezie, i colori sgargianti delle tovagliette o il calore della ceramica della tazza con il the verde.

La mostra diventa così un’esperienza, da cui emerge una forte curiosità per un paese pieno di contraddizioni le cui ordinate e rispettose consuetudini sono viste come esempio da tanti nei paesi occidentali ma che, molto spesso, sono il frutto di comportamenti molto antichi.

Dopo questo spaccato di vita e cultura nipponica Turchetto tornerà in Giappone per chiudere, dopo il racconto fotografico sui mondiali di rugby del 2007 in Francia e la guida ai mondiali 2015 in Inghilterra scritta con il collega Paolo Wilhelm, la guida ai mondiali 2019 in Giappone che sarà un racconto per tutti delle città ospitanti, da Fukuoka a Oita, da Kamaishi a Sapporo, da Shizuoka a Kumagaya.

Leggi anche:

Dalle botteghe storiche ai nuovi modelli d’impresa, il commercio si racconta in via Dante

Febbraio a Palazzo Reale. Tutte le mostre

Leonardo da Vinci, il genio del Rione Sanità

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.