• Home
  • ARTE
  • Le Virtù cardinali nell'arte

Le Virtù cardinali nell'arte

Le quattro virtù cardinali, memoria del catechismo, sono la Prudenza, la Giustizia, la Fortezza e la Temperanza. Cardinali viene dal termine cardine, ossia perno, cerniera su cui girano le imposte degli usci mantenedosi sicuri. Oltre al significato proprio, vediamo anche come sono state rappresentate nell'arte. Ovviamente bisogna sempre osservare il contesto in cui l'oggetto è significato.

Diciamo subito che la Prudenza è la virtù che dispone la ragione pratica a discernere in ogni circostanza il nostro vero bene e quindi scegliere i mezzi adatti per compierlo. Precisato questo, vediamo come l'arte ne rappresenta il concetto.

- figurata con due volti, uno di vecchio e uno di giovane, che vuole significare la memoria del passato, l'esperienza, e il presente, l'intelligenza.

- figurata con tre occhi che vogliono significare il passato, il presente e l'avvenire.

- figurata come un bastone su cui appoggiarsi con sicurezza.

- figurata come una lampada, per illuminare il cammino.

- figurata come una clessidra o orologio, per avere il tempo giusto, e ricordare il nascere e il morire.

- figurata come un vaglio o crivello, per separare il bene dal male.

- figurata come un compasso, per prendere la giusta misura.

- figurata con un catafalco o teschio, per ricordare il passare del tempo, l'eternità.

- personificata in un serpente, già attributo della sapienza antica, è un richiamo al passo evangelico " Siate prudenti come serpenti...".

Diceva Seneca in un suo scritto in merito alla Prudenza: Ordina le cose presenti, prevedi le future, tieni a mente le passate. 

 

La Giustizia è la virtù morale che consiste nella costante e ferma volontà di dare a Dio e al prossimo che che è a loro dovuto.

Può essere così raffigurata:

- figurata con corona, scettro o manto purpureo, poiché considerata regina delle virtù.

- figurata con una mano che tiene nel pugno un globo, a significare il potere che viene conservato, allorché si aministra con giustizia.

- figurata con uno scudo su cui vi figura una Fenice, che pare morta, ma che certifica che alla fine la giustizia tronfa.

- figurata con due spade, uno verso l'alto e una rivolta al basso, col significato che si deve colpire ma anche prevenire e saper correggere.

- figurata con una benda sugli occhi, per significare l'imparzialità nei giudizi.

- figurata con la bilancia, signifcando la missione equilibratrice e sociale.

- figurata con una spada, simbolo della potenza distributiva.

- figarata con la presenza di api e alveari, segno del suo procedere con Leggi e non a modo d'arbitrio.

- figurata come sole, che su tutto fa luce e tutti benefica indistintamente.

Si legge nel libro biblico dei Proverbi: La giustizia fa onore a una nazione, ma il peccato segna il declino dei popoli.

 

La Fortezza è quella virtù che, nelle difficoltà, assicura la fermezza e la costanza nelle tentazioni, che modera e controlla le passioni, che fa seguire la retta ragione.

Può essere così raffigurata:

- figurata con spada e scudo, la forza e la difesa.

- figurata da una donna con elmo che tiene a distanza un leone, e vuole indicare che la vera fortezza, anche quella morale, è quella che ammansisce e non soffoca o sopprime.

- figurata con il gladio con foglie e frutti o corona di quercia, simboli di fortezza.

- raffigurata con l'aquila o il leone, simboli di fortezza.

- raffigurata con un'armatura, a volte crociata, elmo e scudo, armi della luce contro quelle delle tenebre.

- raffigurata come una torre posta sulla roccia e investita da forti venti, emblema della forta fondata sulla giustizia.

 

La Temperanza è la virtù che modera l'attrattiva dei piaceri sensibili e rende capaci equilibrio nell'uso dei beni creati.

- raffigurata con il morso, il freno, il giogo, le briglie, tutti oggetti atti a "frenare e contenere".

- raffigurata con un metro o compasso, sottolineando la misura.

- raffigurata con un olivo, simbolo di pace.

- raffigurata con un elefante, perchè procede calmo e lento.

- raffigurata con un vestito mezzo rosso e mezzo azzurro, simboleggiando così l'acqua che versata nel vino lo tempera.

- raffigurata con un'anfora d'acqua e un pane, segni di frugalità.

- raffigurata con una spada infuocata messa nell'acqua per la tempera.

A volte tutte e quattro le virtù sono dotate di ali, questo per sottolineare che la loro forza è data da Dio e a Lui portano.

Leggi anche:

Virtù cardinali. Cosa sono e come riconoscerle

Copyright © 2006 - 2019 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT13181390157 MILANO TORINO PAVIA RIMINI