Festival dell'Ascensione 2019 Milano

logo festival ascensione 2019Dal 5 Maggio al 9 Giugno 2019 presso la basilica di San Calimero, Milano si terrà la VII edizione del Festival dell'Ascensione. I concerti, in numero di sei e a cadenza settimanale, sono a ingresso libero.

I concerti iniziano alle ore 20,45 previa introduzione alle ore 20,00 a cura di Giuditta Comerci.

Il programma

Ecco il programma completo:

DOMENICA 5 MAGGIO -

- Ensemble Gilles Binchois – Dominique Vellard, tenore e direzione.

Nova Cantica: le nouveau chant du 12ème siècle.

 

DOMENICA 12 MAGGIO -

- Accademia del Ricercare. Direzione Pietro Busca.

Sotto la Cattedrale: musica sacra al tempo di Leonardo.

La Missa de Carnaval di Franchino Gaffurio e mottetti.

 

DOMENICA 19 MAGGIO -

- Consort de' Carraresi. Direzione Giacomo Schiavo.

Officium Tenebrarum.

Tra i pellegrini del Llibre Vermell e Planctus Mariae del XIV secolo.

 

DOMENICA 26 MAGGIO -

- Ensemble Vocale Harmonia Cordis. Direzione Dario Tabbia. Alessio Corti all'organo.

L'Officium Defunctorum (1603) di Tomas Luis de Victoria e la polifonia organistica del Siglo de Oro.

 

DOMENICA 2 GIUGNO -

- Ensemble De Labyrintho. Direzione Walter Testolin.

Nello sguardo dell'altro.

Josquin in un ritratto di Leonardo.

 

DOMENICA 9 GIUGNO -

- Noema Ensemble. Direzione Walter Testolin. Alessio Corti all'organo.

Planctus.

Quando il pianto si fa canto.

Polifonia vocale e organistica di Josquin, Victoria, Frescobaldi, Monteverdi, Dowland, Purcell.

Questo il programma dei percorsi musicali.

Basilica di San Calimero

Ora un breve excursus sulla Basilica di San Calimero. Il suo nome era quello di "Basilica Sancti Calimerii", poi divenuto San Calimero. La chiesa si trova nella via omonima nel centro storico di Milano.

La sua origine risale al V secolo, successivamente sottoposta a restauro dall'architetto Angelo Colla nel 1882. Oggi l'edificio presenta uno stile neoromanico, tendenza artistica in voga tra il 1840 i primi anni del Novecento.

È possibile visitare di ciò che rimane dell'antica chiesa, la cripta cinquecentesca, con la volta affrescata dai Fiammenghini, pittori attivi a Milano negli anni a cavallo tra il XVI e XVII secolo.

Una Madonna fra due sante, del XV secolo, attribuita al pittore Cristoforo Moretti; una Crocifissione di Giovan Battista Crespi detto il Cerano, e una Natività di Marco d'Oggiono, allievo di Leonardo da Vinci.Nella navata destra si può osservare un pozzo, tuttora funzionante, costruito sul luogo dove pare fossero, immerse nell'acqua, le ossa del santo.

La cripta conserva l'altare-tomba del vescovo San Calimero. La biografia del Santo non è univoca, tuttavia si certifica la sua carica vescovile in Milano. Morto a Milano il 31 luglio 280, è invocato contro la siccità.

 

Leggi anche:

Milano: l'acqua e Leonardo, tour guidato.

Skate e Surf Film Festival torna alla Base

Adunata 2019 degli Alpini a Milano

 

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.