• Home
  • TEATRO
  • Gioventù senza Dio al Teatro Filodrammatici

Gioventù senza Dio al Teatro Filodrammatici

amadio csVa in scena a partire da giovedì 14 novembre al Teatro Filodrammatici Gioventù senza di Bruno Fornasari, tratto da un testo di Ödön von Horváth ambientato in Germania negli anni del nazismo (il testo è stato pubblicato nel 1937).

Il tema centrale della piece è peraltro di grande attualità. Il testo, infatti, racconta di una classe di studenti che mette al bando il proprio docente per aver egli affermato l'umanità dei “negri”. Il clima di intolleranza caratteristico dell'epoca in questione, appare pericolosamente simile a quello della nostra epoca attuale in cui la paura del diverso e lo sdoganamento sempre più ampio di idee e affermazioni razziste sono sempre più all'ordine del giorno.

La vicenda legata, in particolare, alla scorta assegnata a Liliana Segre sembra sottolineare ancora di più la grave deriva assunta a questo riguardo dalla società italiana.

Ecco che allora si comprende bene come la scuola possa e debba svolgere un ruolo decisivo nel veicolare modelli culturali opposti a quelli dominanti. In Gioventù senza siamo invece in compagnia di un gruppo di studenti completamente indottrinato da un regime totalitario e totalizzante, studenti descritti come “pesci” dagli occhi fissi e sgranati che “vivono in un paradiso di stupidità”.

Se è vero, tuttavia, che per molti aspetti la descrizione potrebbe rievocare la superificialità di molti adolescenti di oggi prigionieri dei luoghi comuni e dei pericolosi “si dice” dei social network, dall'altro lato essa spinge a riflettere su quanto sia proprio la scuola il luogo dove incidere maggiormente per combattere e sradicare definitivamente qualsiasi forma anche velata di razzismo.

Del resto abbiamo tutti bene in mente il fatto di cronaca risalente ad alcuni mesi di una docente sospesa per non aver censurato una ricerca dei propri studenti che istituiva un parallelismo tra la politica del ministro dell'interno e quella seguita da Hitler nei confronti degli ebrei.

Gioventù senza vede Tommaso Amadio nel ruolo di protagonista, giovane docente e unico adulto della piece, accompagnato in scena dai brillanti neodiplomati dell'Accademia dei Filodrammatici di Milano. La regia è di Emilio Bronzino.

Da vedere.

Teatro Filodrammatici

Via Filodrammatici, 1

Dal 14 al 24 novembre

Orari: Martedì, giovedì e sabato ore 21.00, mercoledì e venerdì ore 19.30, domenica ore 16.00

Prezzi: Intero 22 euro, ridotto convenzionati 18 euro, ridotto under30 16 euro, ridotto over65 e under18 11 euro, Novita giovedì 15 euro

Info e prenotazioni: tel. 0236727550

Copyright © 2006 - 2019 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT13181390157 MILANO TORINO PAVIA RIMINI