• Home
  • BAMBINI
  • Il 2020: anno bisestile con 3 venerdì 17

Il 2020: anno bisestile con 3 venerdì 17

2020 calendario pixQuesto 2020 ci regala già a gennaio un bel venerdì 17. E c’è poco da stare allegri pensando ai prossimi mesi, perché quest’anno, che come sappiano sarà un anno bisestile, si prospetta davvero come un anno funesto: pensate che contiene ben 3 VENERDI 17:

VENERDI 17 GENNAIO

VENERDI 17 APRILE

VENERDI 17 LUGLIO

Ma da dove nasce questa tradizione di considerare funesto il venerdì 17? Ogni superstizione nasconde in realtà una storia, quindi andiamo a scoprire cosa si nasconde dietro questa credenza popolare tutta italiana e di altri paesi greco-latini.

Nella maggior parte delle culture nordiche, infatti, il giorno da evitare è il venerdì 13. La credenza ha probabilmente origine dal racconto evangelico dell’Ultima cena di Gesù prima della crocifissione, che si è svolta nel tredicesimo giorno del mese di Nisan del calendario ebraico con 13 commensali… Ecco perchéuna tavola apparecchiata per 13 può essere considerata un vero problema!!!

In Spagna, invece, il giorno nefasto è il martedì 13 che collega il numero 13 al giorno dedicato al dio della guerra Marte.

Diverse sono le spiegazioni che possiamo dare alla diffidenza italica nei confronti del venerdì 17.

L'eptacaidecafobia è la paura del numero 17 e sembra che abbia avuto origine nella Grecia antica dove il numero 17 era aborrito dai seguaci di Pitagora in quanto era tra il 16 e il 18, perfetti nella loro rappresentazione di quadrilateri 4×4 e 3×6.
Qualcuno fa riferimento al Delfino di Francia, che avrebbe dovuto diventare Luigi XVII ma durante la Rivoluzione Francese morì, bambino, in carcere. Il successore del padre salì al trono come Luigi XVIII saltando quindi il 17 nella linea dei reali francesi.
Volendo trovare però una spiegazione basata sulla nostra “terra” dobbiamo invece pensare all’antica Roma, quando molte iscrizioni mortuarie riportavano sulle lapidi la parola “VIXI”, cioè “vissi”, quattro lettere che corrispondevano a quattro cifre, che nell’unico modo in cui potevano associarsi per diventare un numero corrispondevano proprio al 17: XVII.

C’è da dire poi che noi italiani, se si tratta di scaramanzia, abbiamo deciso di non farci mancare nulla: anche qui da noi è infatti assolutamente da evitare un pasto con 13 commensali, mentre il detto spagnolo “Martes, ni te cases ni te embarques “ ci è piaciuto così tanto che lo abbiamo esteso al venerdì col il nostro “Di Venere e di Marte non si sposa e non si parte”.

Leggi anche:

Buon Venerdì 17

Superstizioni milanesi

Capodanno nelle antiche tradizioni e superstizioni milanesi

Tarocchi, Palazzi e Luoghi di Milano

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964