• Home
  • MOSTRE
  • La Voce dell’Adda. Leonardo e la civiltà dell’acqua

La Voce dell’Adda. Leonardo e la civiltà dell’acqua

la-voce-dell-adda-mostra-leonardo-da-vinciUna mostra per raccontare non solo la storia di un fiume, ma anche degli uomini e delle donne che lo hanno usato e sfruttato nel corso dei secoli, dai Romani fino ai nostri giorni, passando per la figura di Leonardo da Vinci.

Arriva a Cremona la mostra La Voce dell’Adda. Leonardo e la civiltà dell’acqua. Milano, Cremona, Sondrio, dedicata a questa città, molto legata al fiume, cui è dedicata questa esposizione a cura di Alberto Martinelli e Fabrizio Trisoglio, visitabile dal 16 gennaio al 28 febbraio, presso la Sala degli Alabardieri del Comune di Cremona, a ingresso gratuito.

La mostra, dal carattere culturale e divulgativo, omaggia l’anniversario dei cinquecento anni dalla morte di Leonardo da Vinci, fra i primi scienziati, intellettuali e artisti a intuire le incredibili risorse del grande fiume, attraverso fotografie riprodotte su pannelli per ricostruire l’andamento dell’Adda. 

Dalle sorgenti nelle Alpi Retiche si va in Valtellina, arrivando fino a Cremona, con una serie immagini delle grandi strutture idroelettriche dell’ex municipalizzata milanese, opere di archeologia industriale, vedute e scorci del territorio e del contesto montano, naturalistico, tecnologico, agricolo e sociale.

L’itinerario della rassegna, con la presenza di autorevoli fotografi quali Antonio Paoletti, Guglielmo Chiolini, Gianni Berengo Gardin, Francesco Radino, Luigi Bussolati, va dalle rare immagini della seconda metà dell’Ottocento del Fondo Vismara, a quelle degli anni Trenta e Cinquanta, fino al Fondo Contemporaneo degli anni Ottanta e alle recenti campagne fotografiche commissionate da Fondazione Aem.

Alla fine di tutto c’è una serie d’inedite rappresentazioni cartografiche provenienti dall’Ufficio del Genio Civile di Sondrio e le suggestive raffigurazioni del medio-basso corso dell’Adda a cura di Albano Marcarini, oltre a una lunga serie di citazioni e riferimenti letterari dedicati al territorio, che culminano con una riflessione sulla civiltà dell’acqua e Milano attraverso il ruolo fondamentale dei Navigli, dal Medioevo fino ai nostri giorni.

Leggi anche:

VIVIAN MAIER A MILANO

VINCENZO AGNETTI. AUTORITRATTI RITRATTI SCRIVERE

AI MERCATI DI TRAIANO LA MOSTRA CIVIS CIVITAS CIVILITAS

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964