• Home
  • CRONACA
  • Coronavirus, Conte: accertati due casi in Italia

Coronavirus, Conte: accertati due casi in Italia

Coronavirus è arrivato in Italia: Conte conferma i primi due casi a Roma
In conferenza stampa a Palazzo Chigi, il presidente del Consiglio Conte ha dichiarato che sono stati accertati i primi due casi di coronavirus in Italia.

Chiuso il traffico aereo da e per la cina

Nella serata di giovedì 30 gennaio le parole del presidente del Consiglio sono state queste: "Sono confermati due casi in italia di persone contagiate da coronavirus. Si tratta di due turisti cinesi".
Giuseppe Conte ha subito aggiunto che il traffico aereo da e per la Cina (ovviamente si intende il volo diretto) è stato chiuso: "Siamo il primo paese che adotta una misura cautelativa di questo genere".
E' stato convocato un consiglio dei ministri per le 10 di domani mattina: "Adotteremo altre misure in modo da mettere in campo tutte le strutture competente, ivi compresa la protezione civile" ha infine spiegato Conte.
Nel frattempo i due turisti sono stati ricoverati allo Spallanzani - istituto nazionale delle malattie infettive - che era stato precedentemente attrezzato per l'allarme coronavirus.

Coronavirus in Italia

I due pazienti hanno soggiornato all'hotel Palatino di via Cavour a Roma e ora la loro stanza è stata sigillata. Le autorità italiane stanno controllando all'ospedale anche gli altri turisti del loro gruppo (una ventina di persone) e si sta ricostruendo il percorso  fatto dai due cinesi infettati per risalire a tutte le persone che sono entrate in contatto con la coppia nell'ultima settimana.
I due turisti positivi al coronavirus sono marito e moglie, hanno più di 65 anni e sono originari della provincia di Wuhan. Sono in Italia dal 23 gennaio 2020, sono arrivati all'aeroporto di Milano Malpensa e hanno continuato il tour facendo tappa in diverse città italiane. Non si ha notizia se abbiano visitato Milano e quali altre città, non si conoscono pubblicamente i dettagli del loro viaggio.
 
Leggi anche:
 

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964