Anna Bochkova Le città felici hanno l’architettura

Riparte la stagione dei progetti di SpazioSERRA con la mostra Le città felici hanno l’architettura, prima personale italiana di Anna Bochkova. Iscritta all’Accademia di Belle Arti di Vienna, l’artista, di origini russe, ha lavorato per una settimana all’interno dello spazio per poi presentare le sue opere in questa mostra.

anna-bochkova-le-citta-felici-hanno-architettura-mostra-milano-spazioserra-tiziana-leopizziIl titolo della mostra è una citazione tratta da Verso una Architettura libro manifesto di Le Corbusier pubblicato nel 1923. Il celebre esponente del Razionalismo, sostiene che gli architetti abbiano il compito di rendere felici i popoli e di conseguenza il luogo in cui essi abitano. In questo modo trasferisce il sentimento umano della felicità a un oggetto artificiale, in questo caso la città, realizzato tramite un dispositivo quale l’architettura.

La mostra presenta all’interno dello spazio un’opera site-specific composta da circa 30 colonne realizzate con cartone vegetale e gesso acrilico dipinto di bianco, oppure con ferro, cotone e bitume. La ricerca dell’artista parte dallo studio delle strutture compositive urbane per approdare a una sintesi formale scultorea: le sue opere sembrano essere esili monoliti ad altezza umana derivati da geometrie elementari. Si utilizza un’estetica che parte dall’architettura della città, dalla sua conformazione e delle strutture che ci abitano. Le contaminazioni della ricerca artistica di Anna Bochkova spaziano attraverso un secolo di storia della scultura e dell’architettura.

Le opere raccontano una realtà artificiale apparentemente asettica, ma che sotto lo strato grezzo della materia vive e prova dei sentimenti.

Anna Bochkova

Vive e lavora a Vienna dove frequenta dal 2016 l’Accademia di Belle Arti nella classe di Heimo Zobernig dopo essersi diplomata in Scenografia all’Accademia Teatrale MXAT di Mosca nella classe di Stanislav Benediktov. Tra le sue mostre personali e collettive ci sono: Zeus, give me my EU pass, Octagon (UdK), Berlino, 2019; In the morning we all awake sharp-eyed, Rundgang, Accademia di Belle Arti di Vienna, Vienna, 2019; And we will flow like rivers, galleria Meetart, Praga, 2018; Memorabilia, galleria Snerk, Tromsø (NO), 2018; I’ll be your mirror, Università Karl-Franzens, Graz (AT), 2018; Letters from Utopia, Biennale Art Future/Future Revolution, Accademia di Belle Arti della Lettonia, Riga, 2017; DADADADA, mo.ë Off Space, Vienna, 2017.

spazioSERRA

Nasce dal progetto Artepassante, un programma di riqualificazione degli spazi metropolitani che fa capo all’Associazione Le Belle Arti in collaborazione con RFI e col patrocinio del Comune di Milano e della Regione Lombardia. SERRA è uno spazio espositivo no-profit che nasce con l’obiettivo di valorizzare il territorio milanese attraverso il lavoro dei giovani artisti, in un luogo, quello suburbano, non dedicato all’arte, dove l’arte diventa un incidente. Per la realizzazione della mostra hanno collaborato: critica e curatela Vincenzo Argentieri, gestione dell’evento Silvia Biondo, gestione dello spazio Virginia Dal Magro, allestimento Angelo Di Matteo, strategia social Massimiliano Fantò, grafiche Niccolò Fiorentini, contenuti social Giacomo Lambrugo.

Tiziana Leopizzi

Anna Bochkova Le città felici hanno l’architettura

dal 19/09/2019 al 20/11/2019

spazioSERRA

Presso il Passante Ferroviario di Lancetti, Milano

Leggi anche

ALEX PRAGER. SILVER LAKE DRIVE ALLA FONDAZIONE SOZZANI

CARDI GALLERY PRESENTA HA CHONG-HYUN

ELLE DECOR GRAND HOTEL. DESIGN THERAPY DI MATTEO THUN & PARTNERS

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964