fbpx

Attilio Forgioli e Martina Antonioni. Dialoghi

Dialoghi è una mostra che presenta le opere di Attilio Forgioli e Martina Antonioni, in corso fino al 19 gennaio 2019 negli spazi della Federico Rui Arte Contemporanea.

attilio-forgioli-martina-antonioni-dialoghi-mostra-arte-galleria-federico-rui-tiziana-leopizziVi sono di artisti lontani anagraficamente e geograficamente nei cui lavori di possono ritrovare tratti comuni e di continuità nella propria ricerca artistica. Tratti riconducibili alla pittura, alla figurazione, non intesa come rappresentazione della forma, ma come interpretazione della forma.

Il percorso pone le opere all’interno di un confronto in cui appare evidente un dialogo in divenire, prendono vita continui rimandi. Qui l'eredità del mondo classico e moderno viene elaborato in chiave contemporanea.

Attilio Forgioli è una delle voci più significative della pittura postinformale italiana. Negli Anni Sessanta, l’artista inizia a dipingere trovando nel paesaggio uno dei suoi temi più congeniali. Le sue opere sono insiemi di immagini che suscitano emozioni, rivelano figure nascoste attraverso segni e colori che rimandano a un’interiorità. La sua pittura è caratterizzata da una stesura dei colori ansiosa, condotta a pennellate brevi e magre, con improvvisi ripensamenti, correzioni, intuizioni, cambiamenti di percorso e di idea.

Martina Antonioni interpreta una figurazione in chiave post informale: i vuoti sono tutt'uno con la composizione. Pochi gesti e pochi tratti, danno un tracciato, un'idea, un sogno. Le opere nascono dall’imperfezione che caratterizza la vita, in cui immaginario e reale, linea e colore si incontrano, accogliendo l'una nello spazio dell'altro, in una infinita trama in divenire.

Tiziana Leopizzi

Attilio Forgioli e Martina Antonioni. Dialoghi

Fino al 19 gennaio 2019

Federico Rui Arte Contemporanea

via Turati 38 - Milano

Orari: da martedì a venerdì 15.00-19.00; sabato su appuntamento

Ingresso libero

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964