• Home
  • Home
  • Mostre
  • Dal 18 ottobre Marina Abramovic alla Biblioteca Ambrosiana con la mostra Estasi

Dal 18 ottobre Marina Abramovic alla Biblioteca Ambrosiana con la mostra Estasi

  • Valeria Arrigo

Dal 18 ottobre al 31 dicembre 2019, la Biblioteca Ambrosiana ospiterà Marina Abramovic, una delle artiste più originali e suggestive che ha rivoluzionato il mondo della performance art.

marina abramovic estasi editedArtista serba naturalizzata statunitense, la Abramovic porta a Milano “Estasi”, l’esposizione che svela il ciclo di video “The Kitchen. Homage to Saint Therese”, un’opera molto significativa nella quale si relaziona con una delle più importanti figure del cattolicesimo, Santa Teresa d’Avila. L’opera si compone di tre video, che documentano altrettante performance tenute nel 2009 dall’artista nell’ex convento di La Laboral a Gijón, in Spagna. L’allestimento della mostra condurrà il visitatore a compiere un “cammino” progressivo attraverso la visione delle tre opere.

Il titolo “Estasi” si ricollega alla Transverberazione di Santa Teresa d'Avila (nota appunto come Estasi di Santa Teresa), scultura in marmo e bronzo dorato di Gian Lorenzo Bernini, realizzata a metà del 1600. L’opera è ispirata ad un celebre passo degli scritti della Santa, in cui ella descrive una delle sue numerose esperienze di rapimento celeste: «Un giorno mi apparve un angelo bello oltre ogni misura. Vidi nella sua mano una lunga lancia alla cui estremità sembrava esserci una punta di fuoco. Questa parve colpirmi più volte nel cuore, tanto da penetrare dentro di me. II dolore era così reale che gemetti più volte ad alta voce, però era tanto dolce che non potevo desiderare di esserne liberata. Nessuna gioia terrena può dare un simile appagamento. Quando l'angelo estrasse la sua lancia, rimasi con un grande amore per Dio.» (Santa Teresa d'Avila, Autobiografia, XXIX, 13).

Curata da Casa Testori e prodotta da Vanitas Club (parte di Gruppo MilanoCard), in collaborazione con la Veneranda Biblioteca e Pinacoteca Ambrosiana, la mostra sarà parte del percorso di visita che porterà a rivedere la Cripta di San Sepolcro, da poco restaurata e riportata a pieno splendore.
Continua quindi il connubio, proposto da Vanitas Club, tra questa antichissima area di Milano e la video arte con i grandi artisti contemporanei, iniziato nel 2017 con Bill Viola e proseguito poi con Michelangelo Antonioni e Andy Warhol.

Tra le performance che hanno reso celebre Marina Abramovic ricordiamo:
The artist is present, 2010 - Museum of Modern Art, New York, dove in uno spazio aperto venne collocato un tavolo e due sedie poste una di fronte all’altra. Gli spettatori si avvicendarono occupando la sedia vuota di fronte all’artista.
Balkan Baroque, 1997 - Biennale di Venezia, in cui l'artista seduta su tonnellate di femori di bovino, li pulì in modo ossessivo per 6 ore al giorno per 4 giorni, come atto di denuncia per la guerra in Jugoslavia. Questa performance le valse il Leone d’oro.
Rhythm 0, 1974 - Studio Morra a Napoli, dove su un tavolo vennero posti diversi strumenti di “piacere” e “dolore” che gli spettatori avrebbero potuto utilizzare in completa libertà perché l’artista sarebbe rimasta passivamente priva di volontà per sei ore.

INFORMAZIONI IMPORTANTI
Marina Abramovic - ESTASI
18 Ottobre – 31 Dicembre 2019
Martedi-venerdi 12-20 / sabato e domenica 10-20
Biglietti: a partire da 9€

Leggi anche

COSÌ FAN TUTTE. A MILANO LA MOSTRA SULL’INFEDELTÀ FEMMINILE CURATA DA VITTORIO SGARBI

PROJECT ROOM #11 CAROLINE MESQUITA. LA CASA DELL'EREMITA SUL NAVIGLIO

LA MOSTRA DI LUISA MENAZZI MORETTI. SOLO

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964