• BENESSERE
  • Il bonus psicologo per i giovani del municipio nove di Milano e la petizione per introdurlo a livello nazionale

Il bonus psicologo per i giovani del municipio nove di Milano e la petizione per introdurlo a livello nazionale

  • Ana Vazic, psicologa

Il tanto atteso bonus psicologo è stato tagliato fuori dalla Legge di Bilancio 2022, ma la petizione lanciata su change.org per introdurlo è arrivata a oltre 200mila firme. Nel frattempo, il “municipio 9” di Milano lancia l’iniziativa “bonus psicologo per i giovani”. 

psicologo

Anche se talvolta possiamo non rendercene conto, il COVID-19 ha colpito duramente non solo il benessere fisico ed economico, ma ha avuto anche un effetto devastante sul benessere psicologico di molti. Basti pensare a quanti fattori di stress hanno contribuito ad alimentare un diffuso disagio emotivo: l’incertezza sul futuro, la carenze di risorse, l'imposizione di misure di salute pubblica che violano le libertà personali, grandi e crescenti perdite finanziarie, i messaggi contrastanti da parte delle autorità… e si potrebbe continuare a lungo.

Solo nel 2020 la prevalenza della depressione in forma grave e dei disturbi d'ansia è aumentata di oltre un quarto, ed il prezzo più alto lo hanno pagato le donne ed i giovani. In realtà, la sanità pubblica ha riscontrato un aumento del 40% su base annua di richieste di supporto psicologico, ma il sistema non è in grado di gestirlo da solo.

Nel settore privato il prezzo di una seduta di supporto psicologico/psicoterapia parte da un minimo di 40 per arrivare fino a 200 euro per gli specialisti più noti. In media, la spesa mensile per questo tipo di aiuto può andare da 200 a 300 euro, e purtroppo questo è oltre la portata di molti. L’Ordine degli Psicologi riporta che il 30% delle persone che hanno iniziato delle terapie hanno dovuto arrestare il percorso perché diventato insostenibile economicamente.

Proprio qui il bonus psicologo, prima inserito e poi tolto dalla manovra, sarebbe tornato utile. In origine  prevedeva un fondo da 50 milioni di euro per due tipi di aiuto:

Il bonus detto “avviamento” di 150 euro per cittadini maggiorenni a cui non è stato diagnosticato un disturbo mentale e che in precedenza non hanno avuto accesso ad altre agevolazioni di questo tipo.

Il bonus detto “sostegno”, in base all’ISEE, da 400 a  1.600 euro annui.

A rilanciare l’appello è stato, tra gli altri, anche il noto giornalista Francesco Maesano, che ha lanciato una petizione sulla piattaforma change.org, arrivata in breve ad oltre 200mila firme.

“Chiediamo al governo di prendere davvero in considerazione questa proposta e di inserirla nel primo provvedimento utile per andare incontro a un’esigenza immediata e pressante. Oltre a realizzare un investimento vero e sensato sul capitale umano, sul benessere personale ed in comunità delle persone” si legge nelle motivazioni.

Alcune realtà hanno deciso di non aspettare, di muoversi comunque da sole. La Regione Lazio ha stanziato un fondo di 2.5 milioni di euro per consentire l’accesso alle cure per la salute mentale e la prevenzione del disagio psichico. Un provvedimento rivolto in primo luogo ai giovani ed alle fasce più fragili della popolazione.

La giunta del  Municipio 9 di Milano,  che si estende da Isola - Garibaldi e Porta Nuova fino ai quartieri periferici di Niguarda, Bicocca, Comasina, Affori, Bruzzano e Bovisa-Dergano, ha stabilito di stanziare 30.000 euro per consentire a circa ventiseimila giovani dai 10 ai 25 anni di usufruire di alcune sedute presso psicologi della zona.

Il bando sarà pronto tra qualche giorno e consentirà alle famiglie ed ai giovani di accedervi, apparentemente senza limiti di reddito. Il bonus permetterà di sostenere gratuitamente alcune sedute con uno specialista. 

"Volevamo dare un segnale ostinato ed opposto, volevamo che non si sentissero abbandonati i ragazzi e le ragazze che, a parole, diciamo sempre siano i più messi alla prova in questo tempo complicato" conclude Anita Pirovano, presidente del municipio.

Per il bonus psicologo a livello nazionale rimane la speranza del “Milleproroghe”. Non è importante solo la possibilità di reintrodurre il bonus ma, più in generale, di riportare la discussione sul tavolo e  riflettere su interventi più ampi che tengano in considerazione diversi strumenti che mirino alla salute ed al benessere psicologico. Nel frattempo, se desiderate contribuire anche voi, potete firmare la petizione online.

Copyright © 2006 - 2021 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964