• Home
  • COSTUME
  • Persone sole: Natale con i tuoi, Santo Stefano con noi

Persone sole: Natale con i tuoi, Santo Stefano con noi

albero natale swarovski galleria2016"Natale con i tuoi", recita un celebre  adagio.  Ed è giusto, conveniente ai sani costumi familiari.

Ma Santo Stefano lo puoi trascorrere con una persona sola, abbandonata, in modo da avvolgere anch'essa nel calore natalizio.  E' un'abitudine che si dovrebbe ribadire ogni anno, magari moltiplicando gli invitati, perché l'isolamento di alcuni diventi una dolce compagnia.

Possiamo attingere dall'immenso serbatoio degli ospizi, ove staziona una moltitudine di anziani depressi, che aspettano da tempo - invano - l'arrivo di un parente; oppure ripiegare sulla vicina di casa, la quale, avanti cogli anni e malferma in salute, ha fatto del suo appartamento, spesso minuscolo, la sua prigione, involontaria ma reale.

Basta un pranzo in letizia, una carezza dopo il panettone, e l'impegno di una visita, condensata forse anche nei soli saluti.

I senior sono i nuovi poveri, spesso con la pensione minima, malati cronici e con una tristezza incorporata che somiglia all'agonia.

Tal volta rivelano persone che hanno conosciuto il benessere, evaporato a causa della crisi o di tragedie, personali o familiari, che non desiderano raccontare in quanto imbarazzanti.

Almeno a Santo Stefano avviciniamole, tendiamo loro la mano, nella consapevolezza che il nostro cuore troverà gioia, quella che invano cerchiamo nelle cose o nell'agiatezza.

Il Bambino nato il 25 dicembre, diventato giovane viandante sulle strade della Palestina, un giorno disse:  "Fate  agli altri quello che vorreste fosse fatto a voi".

E' una massima che vale per tutti, agnostici compresi. E' la sola che ci possa allietare.  Provare per credere.

Gaetano  Tirloni

 

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.