• Home
  • NEWS
  • Coronavirus: la situazione in Iran

Coronavirus: la situazione in Iran

iran pixTragica la situazione Coronavirus in Iran, con i suoi più di 16.000 contagiati.  Qui forse anche a causa della situazione critica degli ospedali da una parte e per l'embargo americano dall'altra, ogni dieci minuti una persona muore a causa del coronavirus e ogni ora si registrano cinquanta nuovi contagi.

A fornire questi dati è il portavoce del ministero della Sanità di Teheran, Kianoush Jahanpour, citato dall'agenzia di stampa Irna.

In un tweet, Kianoush Jahanpour ha invitato gli iraniani a trascorrere a casa il Nowruz e le celebrazioni per il nuovo anno Persiano. Basterà? Non crediamo proprio.

In Iran i morti hanno raggiunto quota 1.284, ha spiegato il ministero della Sanità, mentre le persone contagiate sono 18.407. Il primo caso segnalato nella Repubblica islamica risale al 19 febbraio e anche qui come in Italia centri commerciali e bazar locali resteranno chiusi almeno fino al 3 aprile come misura per evitare l'ulteriore diffusione del virus. L'annuncio sulla chiusura è stato dato dal presidente iraniano Hassan Rohani dopo aver appreso gli ultimi dati.

L'Italia fa scuola e anche in Iran a restate aperti sono solo le farmacie e gli esercizi commerciali che vendono alimentari e beni di primaria necessità. 

L'Organizzazione mondiale della sanità intanto ha conteggiato l'aumento dei contagi superiore alle 1.100 unità in una sola giornata. La Repubblica islamica dell'Iran è il primo paese del Medio Oriente colpito da COVID-19 ed è stato anche criticato per non essere trasparente nell'aggiornamento della situazione locale al resto del mondo. C'è grande timore che anche la Russia, che sta comunicando i dati col contagocce e a distanza di giorni, possa avere un focolaio ben diverso da quello che vuol far vedere al mondo.

Coronavirus in Iran: test e trattamento

L'Iran non è stato in grado di avviare immediatamente i test tampone per il coronavirus sui casi sospetti nel paese, a causa delle sanzioni da parte degli Stati Uniti che vietavano l'accesso ai kit di test e alle importazioni di farmaci.

Come per il nostro paese, la Cina è andata in soccorso dell'Iran inviando migliaia di kit per il test del coronavirus e anche medicine tradizionali per curare i pazienti. La Cina ha anche inviato vestitiario protettivo per i sanitari e le mascherine protettive.

Grandi saranno anche le problematiche economiche che vanno ad impattare sul paese anche a causa del crollo del prezzo del petrolio.

Leggi anche:

Gestire lo stress da pandemia: i consigli dell'OMS

Coronavirus: la situazione in Russia e Ucraina

Zone a rischio epidemiologico COVID-19 OMS

Coronavirus: Conte, Scuole chiuse anche ad aprile

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964