• Home
  • NEWS
  • Dopo il Coronavirus: la vita non sarà più quella di prima

Dopo il Coronavirus: la vita non sarà più quella di prima

terra dopo coronavirusA ciclone Coronavirus passato si tornerà alla vita precedente? No, questo virus è stato uno spartiacque tra il "prima e il dopo".

Quella in corso è una rivoluzione destinata a cambiare dalle fondamenta il modo in cui abbiamo sempre vissuto, lavorato, socializzato, fatto shopping, ecc. Life will never be the same. 

Anche se si auspica che fra qualche settimana la curva dei contagi inizierà a scendere, finché non ci sarà un vaccino per il Covid-19, la possibilità di veder partire un nuovo grosso focolaio tra qualche mese è tutt'altro che remota.

Vediamo nel dettaglio quali sono i cambiamenti indotti da questa pandemia di cui saremo presto testimoni. La limitazione delle libertà personali purtroppo non finirà cosi' presto e sarà uno dei prezzi da pagare.

LAVORO ed economia

Solo le aziende smart sopravvivranno alla crisi economica e alle nuove modalità di lavoro imposte dal coronavirus. Le ripercussioni economiche saranno inimmaginabili e come sempre ci sarà chi trarrà grande profitto della crisi mentre i più deboli soccomberanno. Il 5G nei prossimi mesi cambierà la vita a tutte le persone. Entro fine 2020 saranno connessi alla rete Internet circa 50 miliardi di dispositivi smart: altoparlanti wireless intelligenti, riscaldamento a controllo remoto, telecamere, serrature intelligenti e moltissimi altri oggetti smart dotati di sensori per il controllo a distanza e con autonomia decisionale in determinate circostanze, che saranno sempre più utilizzati sia nelle abitazioni che negli uffici che nelle città. Le potenzialità del 5G permetteranno ad esempio di vedere in giro per le strade di Milano un autobus senza conducente, grazie ad un sistema avanzato di monitoraggio e controllo a distanza, che contribuirà a garantire la sicurezza.

La quarta rivoluzione industriale in pieno svolgimento ha subito un'accelerazione straordinaria forzata. In una manciata di settimane sono stati fatti rapidi cambiamenti che hanno trasformato il concetto di concepire la presenza sul luogo di lavoro. Vi ricordate i responsabili di quelle aziende che storcevano il naso al sentir parlare dello smart working come un toccasana per le aziende e la vita dei dipendenti? Anche loro dovranno ricredersi velocemente o saranno spazzati via dal mercato del lavoro.

Purtroppo o per fortuna non torneremo più alla vecchia "normalità" del classico lavoro in ufficio preceduto e succeduto da code di auto in direzione di case e uffici. Si sposteranno per andare sul posto di lavoro solo coloro la cui presenza è essenziale come la sanità, le aziende di produzione di beni, i manutentori, ecc.   La pandemia ha imposto un processo di digitalizzazione che terrà in vita solo le aziende smart mentre le aziende "vecchio modello" sono destinate alla chiusura. Stessa sorte per diverse catene di centri commerciali che già subivano la pressante concorrenza di Amazon e che si ritrovano ora più che mai fuori mercato e per le imprese che vivevano dell'afflusso di una massa di persone come bar, ristoranti, palestre, fiere, eventi, ecc che vedranno un corposo decremento del fatturato e dovranno avere la capacità di reinventarsi. 

Scuola

L'anno scolastico 2019/2020 sembra proprio giunto al termine. A meno che succeda un miracolo e fra pochi giorni venga trovato un vaccino, cosa impossibile quanto vincere alla lotteria non giocando, l'anno scolastico è già finito. La scuola del futuro deve diventare sempre più digitale e gli insegnanti preparati a fare formazione a distanza. Molte università italiane sono all'avanguardia e già pronte da tempo, quelle telematiche come Unipegaso faranno da nave scuola alle tradizionali che dovranno correre velocemente per evitare di non essere in grado di fornire offerta formativa a distanza. Novità post Coronavirus sono le prime lauree completamente online dove gli studenti hanno discusso la loro tesi davanti ai professori collegati in sedute virtuali, ciascuno da casa propria.

Vita sociale

Baci, abbracci e strette di mano con la persona appena conosciuta purtroppo diventeranno sempre meno frequenti. La socialità ha molto da perderci dopo il passaggio di questa pandemia e il distanziamento sociale durerà molto di più di qualche mese e influirà anche a pandemia terminata o sopita. Socializzare continuerà ad essere fondamentale ma in sicurezza. La solidarietà e l'empatia con il vicino di casa però sono valori che si stanno riscoprendo.

Cambiamenti nei comportamenti

Essere anziani significa non essere nativi digitali ma in un mondo che cambia ci si troverà davanti a cambiamenti radicali nella vita comune. Stop alle file in banca o in posta per operazioni futili che si possono fare comodamente su internet. A sparire prestissimo saranno i "cassieri" di banche, poste, supermercati. Inutile lamentarsi, bisogna abituarsi. È l'inizio di uno stile di vita completamente diverso.

Stop a locali, mezzi pubblici e cinema costipati di persone, sarà necessario rivedere il concetto di capienza massima alla luce di possibili contagi. Distanziare le persone è una delle necessità da attuare per questa e le possibili future pandemie.

Per lo shopping, e-commerce, ovviamente. La maggioranza degli acquisti sarà fatta online e sempre meno nei supermercati e negozi tradizionali. 

Ambiente

Molte volte il mondo è stato messo a dura prova ed il periodo storico che stiamo passando è paragonabile ad una nuova guerra mondiale ma non tutto il male viene per nuocere. A giovare di questa situazione è sicuramente la nostra Madre Terra. Meno inquinamento, meno consumo di petrolio, ... il Coronavirus ha alzato la voce sulle problematiche ambientali più di quanto abbia fatto Greta Thunberg. Le nuove abitudini globali diminuiranno l’impatto ambientale di secoli di comportamenti sbagliati, anche se a caro prezzo per colpa della stupidità umana dovuta alla continua ricerca del profitto a danno dell'ambiente.

 

Questa terribile pandemia ci costerà molte vite umane ed oltre a questa sciagura si vedono già conseguenze a lunga scadenza ed altre ancora sono difficili da prevedere. La vera sfida che abbiamo davanti è di riuscire a modificare completamente il nostro stile di vita. Oggi.

Leggi anche:

Epidemie e pandemie nella storia

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964