• Home
  • NEWS
  • Posto di lavoro e Covid-19: i consigli per le aziende

Posto di lavoro e Covid-19: i consigli per le aziende

safety aziendaL'OMS e le autorità sanitarie pubbliche di tutto il mondo stanno prendendo provvedimenti per contenere l'epidemia di COVID-19. Tuttavia, il successo a lungo termine non può essere dato per scontato e anche le aziende e i datori di lavoro devono fare la loro parte per fermare la diffusione di questa malattia.

Raccomandazioni OMS Ai datori di lavoro

I datori di lavoro dovrebbero iniziare a fare queste cose ora, anche se COVID-19 non è arrivato nelle loro aziende.  Le misure sono davvero a basso costo e aiuteranno a prevenire la diffusione di infezioni sul posto di lavoro, come raffreddori, sindromi influenzali, ecc, e proteggere i vostri clienti, appaltatori e dipendenti.

  • Assicurarsi che i luoghi di lavoro siano puliti e igienici
    Le superfici (es. scrivanie e tavoli) e gli oggetti (es. telefoni, tastiere) devono essere puliti con disinfettante regolarmente 
  • Promuovere il lavaggio regolare e accurato delle mani da parte di dipendenti, appaltatori e clienti o collocare i dispenser per igienizzare le mani.  Assicurarsi che questi distributori vengano regolarmente ricaricati.
  • Assicurarsi che le maschere facciali e / o fazzoletti di carta siano disponibili sul posto di lavoro, per coloro che hanno il naso che cola o tossiscono al lavoro. Perché? Perché una buona igiene respiratoria previene la diffusione del COVID-19.
  • Farmaci: Dovrebbero rimanere a casa (o lavorare da casa) coloro che hanno dovuto prendere farmaci semplici, come il paracetamolo, l'ibuprofene o l'aspirina, che possono mascherare i sintomi dell'infezione

Rientro da trasferte all'estero

I dipendenti che sono tornati da una zona in cui COVID-19 si sta diffondendo dovrebbero monitorare se stessi per 14 giorni e prendere la loro temperatura due volte al giorno. Se sviluppano anche una tosse lieve o febbre di basso grado (cioè una temperatura di 37,3 C o più) dovrebbero rimanere a casa e isolarsi.

Prepararsi nel caso in cui COVID-19 arrivi in azienda

Sviluppare un piano su cosa fare se qualcuno si ammala di sospetto COVID-19 in uno dei vostri luoghi di lavoro è essenziale.

Il piano dovrebbe riguardare tra l’altro il mettere il sospetto ammalato in una stanza o in una zona isolata dagli altri sul posto di lavoro, limitando il numero di persone che hanno contatti con la persona malata e contattando le autorità sanitarie locali.

Valutare come identificare le persone che possono essere a rischio e sostenerle, senza stigmi e discriminazioni sul posto di lavoro. Ciò potrebbe includere le persone che si sono recentemente recate in un'area di segnalazione di casi, o altre che hanno condizioni che li mettono a più alto rischio di malattia grave (ad esempio diabete, malattie cardiache e polmonari, età avanzata).

Promuovi lo smart working regolare all'interno della tua organizzazione. Se c'è un focolaio nella vostra comunità, le autorità sanitarie possono consigliare alle persone di evitare i trasporti pubblici e luoghi affollati. Il telelavoro aiuterà la tua azienda a continuare a funzionare mentre i tuoi dipendenti stanno al sicuro.

Sviluppare un piano di emergenza e continuità aziendale per un'epidemia nelle comunità in cui l'azienda opera. Il piano contribuirà a preparare l'organizzazione per la possibilità di un focolaio nei propri luoghi di lavoro o comunità. Può anche essere valido per altre emergenze sanitarie. Il piano dovrebbe affrontare come mantenere la vostra attività in corso anche se un numero significativo di dipendenti, appaltatori e fornitori non può venire sul posto di lavoro - sia a causa di restrizioni locali sui viaggi o perché sono malati.

Comunicare ai vostri dipendenti e appaltatori circa il piano e assicurarsi che siano consapevoli di ciò che devono fare – o non fare – secondo il piano. Sottolineare i punti chiave come l'importanza di stare lontano dal lavoro anche se hanno solo sintomi lievi o hanno dovuto prendere semplici farmaci (ad esempio paracetamolo, ibuprofene) che possono mascherare i sintomi.

Aspetti da considerare quando tu e i tuoi dipendenti viaggiate

Prima di partire

Assicurati che la tua organizzazione e i suoi dipendenti dispongano delle informazioni più recenti sulle aree in cui COVID-19 si sta diffondendo. Sulla base delle informazioni più recenti, l'organizzazione deve valutare i vantaggi e i rischi correlati ai piani di viaggio imminenti.

Evitare di inviare i dipendenti che possono essere a più alto rischio di malattie gravi (ad esempio i dipendenti più anziani e quelli con condizioni mediche come il diabete, il cuore e le malattie polmonari) nelle aree in cui il COVID-19 si sta diffondendo.

Assicurarsi che tutte le persone che si recano in luoghi che riportano COVID-19 siano informati da un professionista qualificato (ad esempio i servizi sanitari del personale, il fornitore di assistenza sanitaria o il partner sanitario locale)

Considerare di dotare i dipendenti che stanno per viaggiare con piccole bottiglie (sotto i 100 CL) di liquido per la disinfezione delle mani a base di alcol. Questo può facilitare il lavaggio regolare delle mani.

Durante il viaggio:

Incoraggiare i dipendenti a lavarsi le mani regolarmente e rimanere ad almeno un metro di distanza da persone che tossiscono o starnutiscono. 
Assicurarsi che i dipendenti sappiano cosa fare e chi contattare se si sentono male durante il viaggio.
Assicurarsi che i dipendenti rispettino le istruzioni delle autorità locali in cui viaggiano. Se, per esempio, le autorità locali gli dicono di non andare da qualche parte dovrebbero rispettarlo. I vostri dipendenti devono rispettare eventuali restrizioni locali su viaggi, movimenti o grandi raduni.

Quando tu o i tuoi dipendenti tornate dal viaggio:

I dipendenti che sono tornati da una zona in cui COVID-19 si sta diffondendo dovrebbero monitorare se stessi per 14 giorni e prendere la loro temperatura due volte al giorno.  Se sviluppano anche una tosse lieve o febbre di basso grado (cioè una temperatura di 37,3 C o più) dovrebbero rimanere a casa e isolarsi. Ciò significa evitare un contatto ravvicinato (un metro o più vicino) con altre persone, compresi i membri della famiglia. Dovrebbero anche telefonare al loro medico fornendo loro i dettagli dei loro recenti viaggi e sintomi.

Leggi anche:

Cibo, disinfettanti e animali: Pillole antipanico dell'Istituto Superiore di Sanità

Gestire lo stress da pandemia: i consigli dell'OMS

 

Copyright © 2006 - 2020 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964