La castagna: proprietà e usi

castagneTipica del periodo fine ottobre - inizio novembre, la castagna è uno dei frutti autunnali più energetici e nutrienti e, personalmente, uno dei più buoni da mangiare.

La castagna è un alimento molto noto sia per l’impiego nell’industria alimentare, sia in quella cosmetica. Le castagne sono contenute all’interno di ricci che, una volta arrivati a maturazione, cadono spontaneamente dall’albero ed è possibile procedere alla loro raccolta.

Si conservano all’asciutto, preferibilmente in cesti ed è consigliabile consumarle in tempi non troppo lunghi. Dalle castagne è possibile ottenere la farina, molto utilizzata principalmente per la preparazioni di dolci ma anche per la produzione di pasta alimentare, pane, polenta. Il frutto cotto si utilizza per la produzione di dolci tipici come il Monte Bianco o il Castagnaccio, creme, confetture o, nel caso dei Marroni, per la produzione dei prelibati e dolcissimi Marron Glacé. Nelle portate di carne o pesce le castagne si inseriscono spesso come contorno, più spesso come farcitura e ripieno, soprattutto nel tacchino. Essendo un alimento molto calorico il suo consumo dovrebbe essere limitato, certo è che dopo averne mangiate una decina già ci si sente sazi. E’ possibile consumarla arrostita (in questo caso prende il nome di caldarrosta) sul fuoco o nel forno o lessata in acqua. Vediamo quali sono i nutrienti e le proprietà di questo alimento davvero buono.

Valori nutrizionali del frutto fresco

L’acqua è presente con una percentuale di quasi il 50%, che si riduce notevolmente se procediamo con la cottura al forno o sulla brace. I carboidrati sono al primo posto e, per questo motivo, se c’è l’intenzione di farsi una bella mangiata di castagne a fine pasto, sarebbe indicato non assumere altri carboidrati. A seguire abbiamo le proteine e una buona percentuale di fibre. Ottimo l’apporto di potassio e fosforo, di sali minerali e vitamine. I grassi sono presenti in percentuale inferiore al 3%.

Infusi di castagne e loro uso

Infusi ottenuti con i frutti sono consigliati in caso di malattie da raffreddamento, bronchiti, mentre infusi ottenuti con le bucce di castagna si utilizzano per conferire maggiore lucentezza ai capelli e per esaltare e ravvivare i riflessi delle chiome castane.

Barbara

Leggi anche:

Il Pan di Zucca: un pane...autunnale!

Il cotogno: l'albero delle mele e delle pere

Lo zafferano: una spezia dai mille usi

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.