ll maiale nella tradizione lombarda

purscellUna delle Tradizioni lombarde più vive e che si richiamano ad antichi rituali celti, è riferibile a quella dall'annuale uccisione del “purscell”, (così veniva chiamato il maiale nella lingua locale), all'inizio dell'inverno: un vero e proprio rituale cui partecipava tutta la comunità.

Il maiale sin dall’epoca degli antichi abitatori delle nostre terre, gli Insubri, è sempre stato considerato magico e importante sia per le sue qualità alimentari che per quelle energetiche e rigeneratrici.

Il suo lontano antenato è il Cinghiale, simbolo di Milano nonché della dea Belisama, protettrice dei boschi e venerata dagli abitanti della città sin dalla sua

milan

fondazione.

Del maiale, si dice ancora in giro, non si butta via nulla perché da da mangiare a tutta la famiglia.

Fino a cinquat’anni fa, le famiglie compravano il maiale da tenere 7-8 mesi, fino a quando non raggiungeva il peso di un quintale e anche più facevandogli mangiare di tutto : crusca, farina, rape, zucche, patate di scarto, ghiande e polenta.

Dopo l’uccisione rituale del purscell, « la mattanza », che avveniva ai primi mesi invernali (dicembre-gennaio), faceva seguito la consumazione comunitaria della sue parti più deperibili (il sangue, le interiora povere, il codino, le costine, i ginocchi e i piedini, la testa, le cotiche), mentre le sue parti migliori venivano destinate agli insaccati e alla conservazione: salami (crudi e cotti), salsicce, cotechini, mortadelle di fegato, lardo e pancette.

Colui che compiva il macello era chiamato « El Massular », che con grande sapienza tramandata da generazioni, uccideva il purscell con un colpo secco alla gola.

Alla sera le tavole che erano servite per la mattanza del maiale venivano imbandite per la festa di tutta la famiglia.

Dal punto di vista simbologico/esoterico, il Cinghiale rappresenta per la Tradizione Insubrica, la forza guerriera primitiva che usciva dai boschi selvaggi della pianura Padana.

I boschi, le foreste erano considerate sacre perché popolate dalle querce (sulle quali nasce il vischio, pianta sacra ai Druidi), punto d’incontro tra cielo e terra, simbolo di Giustizia ed Equilibrio.

Il Cinghiale che si nutre di ghiande e che vive ai piedi di queste piante, è espressione della forza che si manifesta allo stato primordiale, colui che esce dal caos e che rinvigorisce la terra su cui cammina.

La Quercia trattiene il fuoco divino che si espande e si incarna nel simbolo del Cinghiale.

 

 


El Purscell in de la Tradizion Lombarda



purscellVun di Tradizion lombard pussèe Viv e che se riciamen a di ritual celtegh antegh, l'è quèlla de fà tonina del " purscell ", tucc i ann, al scominci dell'inverna: l'è propri un beli ritual, ch'el ved la partecipazion de tutta la comunità.

El purscell de quand che gheren i antigh abitador di poster sitt, i insubri, (popolazion oche a), I'è semper staa consideraa magie e importane, on poo per i sò proprietà alimentar, on poo per i sò caratteristich Energetigh e de rigenerazion.

El sò parent lontan a l'è el Purscell del Bosch, simbol de Milàn e della dea Belisama, protettora di bosch, venerada di abitador de quand che Milàn l'è staa fondaa.

Del purscell, el se sbatt via nagott e el furniss verament de mangià a tutta la familia. Cinquant'ann indree, i famili crompaven el purscell de tegnì almen sett-vott mes, fin'al raggiungiment del quintal de pes e anca pussee fasend mangià de tutt : crusca, farina, rave, zucch, pomm de terra, giand e polenta.

Quand ch'al purscell ghe faseven tonina, che la vegn ai carenn di mes ìnvernal (dicember-gennar), tutti gent ghe faseven la festa conti sò part pòver, de scart (el sangu, i intraj, el coin, i codegh, i genoeucc, i pescioeu, el coo).

Impunemanch i part pusse bon seren destinaa a fa suu di presutt (cròi e còtt), luganega, codeghin, mortadelle de fidigh, lard e panscetta.

Quel ch'è compiva la tonina el se ciamava " El Massular ": luu pratich del Mestee ch'el se tramandava di generazion in generazion, el coppava el purscell cont on beli colp secch a la gorgia.

A la sira i tavol che seren servii per la mattanza del purscell, vegniven mess giò per on disnaron de tutta la Cascina.

 

Vai alla sezione del Dialetto milanese

Vai alla sezione Mangiare a Milano

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.