• Home
  • CUCINA
  • Pranzo di Natale salutare: intervista a Marco Bianchi

Pranzo di Natale salutare: intervista a Marco Bianchi

marco bianchi chefMilano Free ha intervistato Marco Bianchi: divulgatore scientifico e food mentor, famoso per i suoi libri di ricette salutari. Il suo ultimo libro si intitola “Cucinare è un atto d’amore” ed è già una promessa di armonia in cucina e in famiglia.

In vista delle feste Natalizie, chi meglio di lui può aiutarci a trovare il giusto compromesso tra convivialità e salute?

MF Come vivi il Natale a Milano?

MB La mia bella Milano, quando arriva l’inverno, diventa una città ancora più luminosa, altro che triste e grigia come si sente spesso dire… la nebbia degli anni 80 è oramai una rarità, un vero ricordo… solo qualche volta, il Naviglio, la indossa come fosse un mantello di un nobile signorotto milanese… come fosse l’abito della festa!
Ecco, il mio Natale inizia alla fine del mese di novembre… quando la città inizia a profumare di panettoni, le gelaterie a riversare cioccolata calda come non ci fosse un domani e le vetrine colorarsi di oro, rosso e argento.
Attorno al 25 novembre entra in casa l’albero di Natale ed ogni angolo si accende di tante lucine e lanterne.

MF Ci sveli i tuoi indirizzi preferiti per le compere natalizie?


MB Amo perdermi tra i negozi dedicati a questa magia, negozi in cui cerco ispirazione, acquisto qualche nuovo decoro e lascio andare la fantasia, sono tappe fisse Ecliss sul Naviglio, Co.Import e La Rinascente in pieno centro, mai nelle ore di punta, bensì in qualche mattinata infrasettimanale. Amo il Naviglio di Milano, la darsena e i piccoli negozietti sparsi per le vie della città, addobbati con quanto di più luccicoso esista sul mercato! Tappa fissa è anche quella nei garden alle porte della città,
come Viridea. Imperdibile anche l'appuntamento in Duomo il 1 dicembre per vedere ed ascoltare il calendario dell’avvento con le sue proiezioni luminose, oltre che per restare incantati dalla facciata “accesa a giorno” de La Rinascente.

MF Sembra un tour impegnativo, come ti ristori dopo tanto shopping?

MB Anche qui la scelta è ampia... la prima coccola di questo mese di festa? Panzerotto al forno di Luini (rigorosamente pomodoro e mozzarella) e attorno a Sant'Ambrogio il super panino Christmas edition di Flower Burger.

MF Come ti organizzi per le cene con parenti e amici?

MB Mi piace molto organizzare cene di festa tra amici! Io le organizzo sempre a tema colore quindi chiedendo a tutti I commensali di cucinare qualcosa in stile “Marco Bianchi”, di colore verde, rosso, bianco… c’è chi porta una caprese con melograno al posto dei pomodori e chi cucina la mia torta salata con porri, cavolo nero e salsa di pomodoro. Molto divertente!

MF Tu sei un vero esperto di sana alimentazione, ci consigli qualche ricetta sfiziosa?

MB Durante le feste Natalizie c’è da sbizzarrirsi in cucina: è il periodo migliore per farlo. Mi piace sempre iniziare i pasti con molte creme di legumi da spalmare su crostini di pane integrale oppure utilizzarli come “intingoli” per verdura cruda.
Crema di cannellini e capperi, hummus di ceci e barbabietola, crema di pomodori secchi, insalata russa con maionese senza uova, crema di tonno e ricotta, spuma di edamame e pecorino. I primi piatti più gettonati? Semplici ma irresistibili anche al più ostile del mondo vegetale: pasta (integrale) al forno con verza e coste ed ancora pizzoccheri (alleggeriti rispetto a quelli valtellinesi), tagliatelle ai funghi con besciamella di funghi e ricotta, focacce integrali con pomodori secchi e olive; spazio anche ai secondi: alici e salmone al cartoccio con agrumi e odori vari, polpette di merluzzo e noci o le “classiche” falafel accompagnate da una salsa yogurt greco e aneto. Tutte ricette semplici, piene di gusto, nelle quali la funzionalità è l’attrice protagonista.

MF possiamo concederci un dolce? Cosa ci consigli? 

MB Siamo a Milano e il panettone non può mai mancare, lo scelgo però più leggero e digeribile, ovvero la versione vegana preparata nel piccolo laboratorio dolciario di Pavè di via Casati. Potreste anche cucinare i classici omini di pan di zenzero (preparateli pure con largo anticipo, se conservati in una scatola di latta, non hanno scadenza!), oppure sorprendere gli ospiti con la mia torta di mele amaretti e cannella da servire con crema alla ricotta e vaniglia oppure cioccolata calda fondente.
Non mi resta altro che augurarvi un buon Natale !!!

Leggi anche: 

Gli Gnocchi: il piatto tradizionale del giovedì

Un viaggio tra le varie tipologie di RISO

 

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.