• Home
  • CUCINA
  • Prodotti gastronomici lombardi da tutelare

Prodotti gastronomici lombardi da tutelare

burro pixabayLa nostra terra lombarda è ricca di prodotti di prima qualità e apprezzati ovunque, tuttavia ve ne sono alcuni che necessitano di essere tutelati e valorizzati in quanto sono prodotti legati alla biodiversità agricola tipica di un territorio. Proprio per ottemperare a quest'impegno la Coldiretti ha messo i "sigilli" su alcuni prodotti lombardi che meritano questa attenzione.

Vediamo allora quali sono questi ottimi prodotti.

  • l'Agrì di Valtorta, che è un formaggio di piccola taglia molto diffuso in passato, tanto che le donne di allora lo portavano con le gerle nelle zone vicine. La Valtorta è una valle bergamasca laterale dell'alta Val Brembana. L'Agrì è un piccolo formaggio di latte vaccino a pasta cruda di forma cilindrica, prodotto esclusivamente nel piccolo borgo di Valtorta. È un formaggio che richiede tre giorni di lavorazione, e deve essere consumato tra gli otto e i quindici giorni. Viene lavorato nella locale cooperativa casearia del paese. È riconosciuto presidio Slow Food.
  • il Bagòss, prodotto nel comune bresciano di Bagolino dell'Alta Val Sabbia. È un formaggio semigrasso a latte crudo a pasta extra dura, cotta a cui è aggiunto del zafferano. È un prodotto tipico del territorio che rispecchia la tipologia delle zone di pascolo e della vacca di razza bruno-alpina.  Formaggio nobilissimo e dal costo piuttosto alto.
  • il Burro di Montagna. Probabile che qualche lettore abbia, come me, avuto il piacere di gustare pane, burro e zucchero, una merenda contadina assai gradevole. Oggi il Burro di montagna è un prodotto quasi solo di autoconsumo, soppiantato da quello industriale. Il Burro di montagna ha un colore variabile dal bianco al giallo intenso, questo dipende dall'alimentazione degli animali e dall'acidità della panna, in quanto si ottinene dalla panna per affioramento. Non contiene additivi nè conservanti, presenta un profumo intenso e durevole, di sapore dolce e fondente nel palato. Si può consumare crudo o essere  utilizzato come condimento. In Valle Saviore, nel bresciano, si può gustare il burro di latte di capra, se si aggiungono eucalipto e varie essenze montane si può usare come pomata contro i traumi.
  • il Fatulì, un formaggio bresciano della Val Saviore, affumicato a forma cilindrica, prodotto con il latte della capra bionda dell'Adamello. Il suo nome significa " piccolo pezzo" ed è particolare e di produzione limitata. Il periodo di produzione va dalla primavera all'autunno. Il Presidio nasce grazie alla Comunità Montana di Valle Camonica e al Parco Regionale dell'Adamello.
  • Il Fiorone, un formaggio tipico della Valsassina, nel lecchese, ottenuto dal latte della capra orobica. Il nome è dovuto al fatto che la rottura della cagliata si presenta come un fiore. Di forma cilindrica a pasta molle o semidura e di breve stagionatura. Oltre che fresco è anche utilizzato in cucina per la preparazione di salse al pesto.
  • Il Fiurì o Fiurit, è una ricotta che affiora alla bollitura del latte, e dal casaro frustata con rametti di abete. Il suo nome significa " fiore di ricotta". Si consuma appena raffreddato, e si può abbinare alla polenta o alla colazione.
  • Grano Saraceno, che in Valtellina è conosciuto come "furmentun" e che da origine alla polenta " nera" che con l'aggiunta di burro e formaggio diventa la conosciuta polenta "taragna".
  • La Semuda, un formaggio originario della provincia di Como e che viene preferibilmente consumato con la polenta. Tradizionalmente questo formaggio era un sottoprodotto della produzione del burro e poiché questa produzione di burro è molto contenuta, questo formaggio è di difficile reperimento.

 

Altri prodotti che meritano attenzione non mancano, ma l'articolo diverrebbe troppo lungo, cosa però importante da fare da parte delle Istituzioni e del Consumatore è quello di valorizzare e tutelare questi e altri prodotti tipici della nostra terra lombarda e italica.

Leggi anche:

I formaggi lombardi: che delizia

Il Gorgonzola: il re dei formaggi erborinati italiani

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.