• Home
  • CUCINA
  • Un viaggio tra le varie tipologie di RISO

Un viaggio tra le varie tipologie di RISO

risoIn Lombardia, ma non solo, questo è periodo di sagre e feste enogastronomiche. Non mancano anche gli eventi dedicati al riso, come la Sagra del Risotto di Cergnago che quest’anno è arrivata alla sua trentaseiesima edizione, e la Festa del Riso a Carpiano che nell’ultimo fine settimana di settembre arriva alla sua tredicesima edizione. Un altro esempio fuori Regione è invece quello della Fiera del Riso che si svolge ogni anno a Isola della Scala, in provincia di Verona, e che quest’anno avrà luogo fino all’8 settembre.

La storia del riso risale al Neolitico e anche se tale pianta ha origini asiatiche, come sappiamo, anche nella nostra Italia ha trovato un ambiente favorevole, soprattutto in Piemonte e Lombardia.

Poiché però non voglio tediare facendo una storia del riso, mi limito a citarne le varietà, così da agevolare, i meno esperti, a un eventuale acquisto più mirato.  

  • Arborio. Ottimo per risotti; tende ad aumentare di volume.

  • Baldo. Varietà di riso superfino. Ottimo per risotti grazie alla sua consistenza.

  • Basmati. Varietà di riso a grano lungo. Riso adatto per chi segue una dieta.

  • Carnaroli. Riso a chicco medio, ottimo per risotti.

  • Maratelli. Riso semifino di taglia media. Ottimo per risotti e minestre.

  • Riso di Grumolo delle Abbadesse. Prodotto tipico veneto, presidio di Slow Food. Si gonfia alla cottura e assorbe molto bene i condimenti. 

  • Riso nero glutinoso. Riso asiatico a chicco fino bianco opaco allungato. Non contiene glutine.

  • Riso Roma

  • Riso Venere. Chicco di color ebano è frutto di un incrocio tra una varietà asiatica e una varietà della Pianura Padana. 

  • Riso Vialone Nano Veronese. Varietà di riso semifino italiano a I.G.P. molto apprezzato per la preparazione del risotto.

  • Rosa Marchetti. Chicco di medie dimensioni completamente trasparente mentre, alla cottura, diviene grigio perlato raddoppiando le proprie dimensioni. Ideale per la preparazione di minestre.

 

A questo punto non resta che una cosa: augurarvi buon divertimento e buon appetito!

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.