• Home
  • CUCINA
  • Vini tipici di Milano e provincia - Parte 1

Vini tipici di Milano e provincia - Parte 1

La Lombardia è una regione con una cospicua produzione di vini, soprattutto nelle zone dell’Oltrepò pavese e della Franciacorta, aree vitivinicole molto rinomate. Sebbene scarsa, anche la provincia di Milano vanta la produzione di alcuni vini tra cui il San Colombano DOC e due vini IGT, il Verdea e i vini Colline del Milanese.

vini-milano-provincia-lombardiaPremessa

Negli ultimi anni l’interesse e la passione per il vino sono aumentati in misura sorprendente, sia per quanto concerne la produzione, sia per l’attenzione rivolta ai vitigni autoctoni che (un tempo) correvano il rischio di scomparire a causa della produzione di massa di vino “commerciale”. Oggi (e aggiungerei “per fortuna”), questi vitigni zonali sono tornati in vita, rivalutati e rivalorizzati.

Vitigni e territorio: la “zonazione”

Vitigni e territorio sono due elementi strettamente connessi fra loro, perché ogni tipo di suolo è adatto per coltivare e produrre un determinato vitigno. La “zonazione” è realizzata in molte regioni vinicole italiane ed è una tecnica di coltivazione e produzione basata sullo studio dell’interazione di suolo e clima, in un certo territorio e per ogni vitigno autoctono.

Clima e territorio

A terreni diversi corrispondono vini diversi, e il clima ha un ruolo fondamentale nella qualità dell’aroma, del sapore e del colore del vino, cioè  responsabile delle sue proprietà organolettiche.

Classificazione dei vini

DOCG: Denominazione d’origine controllata e garantita
DOC: Denominazione d’origine controllata
IGT: Indicazione geografica tipica
Vino da tavola: vino generico e spesso con il solo riferimento al colore o all’azienda produttrice.

vino-lombardia-milanoSan Colombano DOC

I comuni produttori del San Colombano DOC sono: Graffignana, Inverno Monteleone, Mirandolo Terme, Sant’Angelo Lodigiano, San Colombano al Lambro.

Composizione

Il San Colombano DOC rosso contiene uve a bacca nera:
Croatina (30%-50%), Barbera (25%-50%), e Uva Rara (max 15%) oppure uve nere provenienti da vitigni raccomandati e autorizzati per le province di Lodi, Milano e Pavia, sole o congiunte (max 15%).
Il San Colombano DOC bianco contiene: Chardonnay e Pinot nero, vinificato in bianco e Riesling; oppure Chardonnay, Pinot nero, e uve a bacca bianca provenienti da vitigni raccomandati e autorizzati per le province di Lodi, Milano e Pavia, sole o congiunte.

Caratteristiche organolettiche

Struttura buona, armonico, profumato, bianco  o rosso.
Il San Colombano DOC rosso può essere bevuto giovane (appena prodotto) e dopo alcuni anni dalla vendemmia, ma non si presta troppo all’invecchiamento.
Il San Colombano DOC bianco va bevuto giovane o dopo un anno dalla vendemmia.

Accostamenti

Il San Colombano DOC rosso si accosta molto bene a salumi, formaggi freschi e stagionati, carni bianche, selvaggina, antipasti leggeri, stuzzichini. Il San Colombano DOC bianco si presta bene al pesce e come aperitivo.

Barbara

Leggi anche:

Il Barolo: il re dei vini

Ecco 4 ricette per fare bruschette stuzzicanti

Vini tipici di Milano e provincia - Parte 2

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.