2 novembre L'è el dì di Mort, alegher! di Delio Tessa

tessa 1Tra poco sarà il 2 novembre, la giornata in cui si ricordano i cari defunti con una visita al cimitero, magari con un sacchetto di caldarroste in mano, come ci ricorda in questa poesia del 1939 il grande poeta dialettale milanese Delio Tessa.

Poesia

  • Torni da vial Certosa,
  • torni di Cimiteri                                 
  • in mezz a on someneri                                                 
  • de cioccatee che vosa,
  • de baracchee che canta
  • e che giubbiana in santa
  • pas con de brasc la tosa.
  • L'è el dì di Mort, alegher !
  • Sotta ai topiett se balla,
  • se rid e se boccalla;
  • passen i tramm ch'hin negher
  • de quij che torna a cà
  • per magnà, boccallà:
  • scisger e tempia... alegher
  • fioeuj, che semm fottuu! 
  • I noster patatocch
  • a furia de traij ciocch, 
  • de ciappaij per el cuu, 
  • de mandaij a cà busca
  • m'àn buttaa via la rusca,
  • scalcen a salt de cuu,
  • scappen, sti sacradio,
  • mollen el mazz, me disen
  • mollen i arma, slisen
  • de tutt i part, el Zio 
  • me l'à pettaa in del gnàbel 
  • longh quatter spann e stàbel, 
  • l'è el dì di Mort e dio!
  • Passen i tramm ch'hin negher 
  • gent sora gent... lingera...
  • tosann e banch de fera ! ...
  • «Oh i bej coronn ! »« Alegher ! »
  • «Oh i bej lumitt ! »« oh i pizzi,
  • le belle tende, oh i pizzi! »
  • « L'è el dì di Mort... alegher! »
  • ... e giò con sta missolta
  • de locch che a brigadella
  • canta alla-loibella :
  • « 0 macchinista
  • ferma il diretto
  • perchè al distretto
  • me tocca andà ... »
  • - questa l'è bonna ! scolta:
  •  « stacca la macchina,
  •  ferma il diretto
  •  che son costretto
  •  d'andà a soldà! »
  • a furia de batost
  • tirom là...« Caldarost ! »
  • ... e giò vers porta Volta,
  • adree con sto mis-masc
  • de ciocch che se balanza...
  • Te vedet ?! no me vanza
  • pu che i nost quatter strasc,
  • l'eredità l'è andada,
  • semm in bolletta in strada
  • tornèmm a fà el pajasc !
  • Comincia adasi... adasi...
  • a vegnì sira... e là...
  • - canten anmò, dà a trà -
  • « ... che al mio paese
  • voglio tornà ... »
  • giò vers Milan l'è quasi
  • scur... rong e semineri,
  • navili e cimiteri
  • suden adasi, adasi,
  • umed e nebbia...Ottober,
  • cocober... pover nun !
  • vun per vun, vun per vun,
  • me perteghen i rogher !
  • Oh Gesù, che sbiottada
  • de piant ! che pertegada
  • là sù ! ... Ottober... cocober !...
  • Turines giolittian,
  • milanes socialista,
  • coragg, lustrev la vista !
  • Tognitt de San Damian,
  • slarghev el coeur, hin chì
  • torna i todisch... hin chì...
  • riven qui car pattan,
  • qui car barbis, qui rost
  • de cojn ! A stondera
  • per i banch della fera
  • pavani e pensi ai nost
  • miseri: ... rogn, deslippa
  • e generaj de pippa !
  • ... e quell dì... «Caldaros

 

  • Traduzione
  • Torno da viale Certosa
  • torno dai cimiteri
  • in mezzo ad un semenzaio
  • di avvinazzati che vociano,
  • di festaioli che cantano
  • e che scherzano in santa
  • pace a braccetto della ragazza.
  • E' il dì dei Morti, allegri !
  • Sotto le pergole si balla,
  • si ride e si tracanna;
  • passano i tram neri
  • di quelli che tornano a casa
  • per mangiare e sbevazzare:
  • ceci e tempia... allegri
  • figlioli, che siamo fottuti!
  • I nostri fantaccini
  • a furia di intontirli,
  • di prenderli per il culo,
  • di mandarli a prender botte
  • hanno gettato la divisa,
  • scalciano a salti di culo,
  • scappano, questi sacrati,
  • hanno mollato, mi dicono,
  • buttano le armi, se la svignano
  • da tutte le parti, lo Zio
  • ce l'hanno schiaffato nel deretano
  • lungo quattro spanne e stabile,
  • è il giorno dei Morti e dio!
  • Passano i tram neri
  • gente su gente... teppa...
  • ragazze e bancarelle da fiera! ...
  • "Oh le belle corone!" "Allegri ! "
  • "Oh i bei lumini! " " oh i pizzi,
  • le belle tende, oh i pizzi! "
  • "E' il dì dei Morti... allegri! "
  • ... e via con questa accozzaglia
  • di giovinastri che a brigatelle
  • cantano spavaldamente:
  • " 0 macchinista
  • ferma il diretto
  • perchè al distretto
  • me tocca andà ... "
  • - questa è buona! ascolta:
  • "stacca la macchina,
  • ferma il diretto
  • che son costretto
  • d'andà a soldà! "
  • ...a furia di batoste

  • tiriamo innanzi... "Caldarroste! "
  •  ... e giù verso porta Volta,
  • e via con questa baraonda
  • di barcollanti ubriachi....
  • Lo vedi?! Non ci restano
  • Più che i nostri quattro stracci,
  • l'eredità è sfumata,
  • siamo in bolletta in strada
  • torniamo a fare il pagliaccio!
  • Comincia adagio... adagio...
  • a venir sera... e là...
  • - cantano ancora, ascolta -
  • " ... che al mio paese
  • voglio tornà ...
  • " giù verso Milano è quasi
  • buio... rogge e seminati,
  • navigli e cimiteri
  • trasudano adagio, adagio,
  • umido e nebbia... Ottobre,
  • zuccone... poveri noi!
  • ad una ad una,
  • ci abbacchiano le roveri!
  • Oh Gesù, che spogliata
  • di piante! che battuta
  • lassù ! ... Ottobre... zuccone!...
  • Torinesi giolittiani,
  • milanesi socialisti,
  • coraggio, rallegratevi!
  • Austriacanti di San Damiano,
  • allargate il cuore, son qui
  • tornano i tedeschi... sono qui...
  • arrivano quei cari ragazzi,
  • quei cari baffoni, quei pedantoni!
  • A zonzo
  • fra i banchi della fiera
  • mi aggiro frettolosamente e penso alle nostre
  • miserie: ... grane, sfortuna
  • e generali buoni a nulla!
  • ... e quel giorno... "Caldarroste!...

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.