Detti milanesi

modi di dire milanesiAlcuni tra i più famosi modi di dire e detti in dialetto milanese.

A furia de tirala, porca Peppa, anca ona bona corda la se sceppa = non abusare della pazienza degli altri perchè come una buona corda, se la tiri troppo si rompe.

A Natal hin tucc fradej, a San Steven tiren già foeura i cortej = A Natale sono tutti fratellima a Santo Stefano tirano già fuori i coltelli

A criticà, in bun tucc' = Sono tutti bravi a criticare

Batt i pagn, cumpar la stria = Quando si parla di una persona, arriva proprio lui

Bel 'me el sô = Bello come il sole

L'è mei fa un casu al sù che lauraa all'umbria!! = E' meglio oziare al sole che lavorare all'ombra

Chi laüra ghà una camisa e chi fà nagott ghe n'à dò = come al solito... chi lavora non sempre è ripagato per quello che fa....

Dàgh una petenàda = Dargli una "pettinata" .. picchiarlo

Dòna che la piang e cavall che süda hinn fals me Giuda = Una donna che piange e un cavallo che suda sono falsi come Giuda

Donca donca trì cunchett fan una cunca = modo di dire milanese per chi sollecita una spiegazione

El gh'ha el dun de Dio de capì nagott = Ha il dono di Dio di non capire niente

El primm che s'è casciàa l'è mort = Il primo che cade a terra è morto

El vin l'è la teta di vecc = Il vino è la mammella dei vecchi

Fà e desfà l'è tt un laurà = Fare e disfare è tutto un lavorare

Fagh sü la crus = Metterci una croce sopra

Fà la figura dal ciocolatee= Fare la figura del cioccolattaio

Finì cont el cü per tèrra = Finire col culo per terra

I temp de Carlo Codega= I tempi in cui c'era Carlo Codega.. modo di dire di cosa molto vecchia

La buca l'è minga straca se la sa nò de vaca = La bocca non è mai stanca se prima non ha il sapore del formaggio...

La malerba l'è quèla che cress püssee = l'erba cattiva non muore mai...

L'amur, la fiama e la tuss se fan cugnuss = l'amore, il fuoco e la tosse non si fanno conoscere (non si possono celare)

L'aqua la fa mal, la bev dumà la gent de l'uspedal = l'acqua fa male, la beve solo la gente dell'ospedale (inno al vino)

L'è mej un usell in man che cent che vula = è meglio un uccello in mano che cento che volano (meglio le cose tangibili)

L'erba vöj la nass nel giardin del rè = lerba voglio nasce solo nel giardino del RE... non si puo' volere tutto

Ne a l'ustaria ne in lecc se diventa vecc = Ne all'osteria ne a letto si diventa vecchi

Nev desembrina, tri mes la cunfina= La neve di dicembre dura tre mesi

Omen e donn quant metten su la vera, comencen fa la vita da galera = Uomini e donne quando si sposano cominciano a fare una vita da prigione

Ona lavada ona sügada e la par nanca duprada= una lavata e un'asciugata e pare come nuova

Parè 'n gatt che l'ha mangià i lüsert = Sembra un gatto che mangia le lucertole.... detto di persona molto magra

Per pacià el paciotta per bev el bevòtta l'è a laurà ch'el barbotta= Per mangiare mangia, per bere beve ma è al lavoro che si lamenta ... detto di uno scansafatiche

Quand la mèrda la munta a scragn o la spüssa o la fà dann = Detto milanese sul povero arricchito che acquista potere

Restà cumpagn de quel de la mascherpa = restare di stucco

Scarliga merlüss che l'è minga el tò üss = vai altrove che qui non è aria

Skèrs de màn, skèrs de vilàn = Scherzi maneschi, scherzi da villani

Se l'è minga suppa l'è pan bagnàa = Se non è zupppa è pan bagnato... invito ad evitare inutili giri di parole

Stà schisc = Stai al tuo posto

Strapà l'erba cun la scèna = Strappar l'erba con la schiena... fare lo sfaticato

Te ghè inscì de cur = Ne hai da correre...

La tròpa cunfidensa la fa pèrt la réerènsa = Troppa confidenza fa perdere il rispetto

Una ciav d'or la derva tüt i port = Una chiave d'oro apre tutte le porte... col denaro si ottiene tutto

Va a ciapà i ratt = vai a prendere i topi... invito a perder tempo altrove

Va a fas dì in gesa = Vai in Chiesa a farti benedire

Va föra di pè = Vai fuori dai piedi

Va scuà l mar cun la furchèta = Vai a scopare il mare con la forchetta

Va scuà l mar cun vert l'umbrela = Vai a scopare il mare con aperto l'ombrello

Va da via i ciap = Vai a quel paese

Vèss tra 'l gnacch e 'l petàcch = Essere ne carne ne pesce....

Vöia de laurà saltum adoss = Voglia di lavorare saltami addosso

L'è longh 'me ona quaresima = E' lungo come una quaresima

Leggi anche:

il Dialetto milanese

Parolacce in dialetto milanese

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.