El magnàn o ramée

el magnano

Vorii savè il mestee che foo mi? Il magnàn o ramèe, ossia il calderaio, colui che fabbrica o aggiusta le pentole di rame. Me ciami Pietro e foo quel che ho testè detto, anche se i più sofistich disen: Peder il ramaio, tanto la sostanza la cambia no, sempre col rame, che l'è on metall, gh'hoo de fa.

Possedevo una piccola bottega lungo il Naviglio abbastanza isolata da altre abitazioni poiché, col mio lavoro, producevo un po' di rumore, insomma, fasevi on po' de frecàss, che, a lungo andare, metteva a dura prova le oregge de quei che abitaven visin. E si perchè pinsa, tenaja, s'cesora e martell erano gli strumenti del mio operare, e soprattutto con quest'ultimo quando dovevo martellare con vigore per modellare il pezzo di rame, ne fasevi de fracàss; pim, pum, pam, picchia di qua, aggiusta di là, e sotto e sopra, osservare bene se la forma è giusta... un lavoro faticoso, e non solo da artesan, ma anca de artista.

Sbaglià no a dare il giusto spessore che doveva essere uniforme, precision nelle rifiniture, forma graziada e che contenta l'oeucc, altrimenti si salvi chi può dalle resgiore!

Una pentola di rame era preziosa, le si portavano persino in dote. Quello però che più mi dava soddisfazione, era costruire un pairoeu, per gli extra meneghini, paiolo, per la polenta, fatto di rame non stagnato e con un fondo concavo che andava a restringersi. Necessitàa vèss bòn a fall, altrimenti addio polenta!

Quando entravo in una cucina e vedevo esposte, a volte sora el camin a volte taccàa sora el mur i mie pignatte, l'era ona soddisfazion e me disevi: guarda Pietro, ammira el tò lavorà d'artista! Me sentivi ripagato de  tutta la fadiga fada.

Con me c'è anche el me fioeù, el Ginetto. El gh'ha appena tredes ann, ma gli insegno il mestiere, perché così, un domani avrà di che riempirsi el stomegh, anche se ho l'impressione che è un mestiere che non si farà più, però, per adess, el se fa ancamò, quindi, Ginetto dagh sott, ciappa sù la voeuja e mettes a comincià. Le sciore della buona borghesia vogliono le pentole in ramm, belle, lustre come on specc.  Dico la borghesia perchè la povera gent, per fa de mangià la dovrava el legn, cretta, l'allumini, el ramml'era ona scioraria che se podeven minga permett. È sempre la solita storia da che mondo e mondo, chi troppo e chi niente. Per fortuna che c'è il rame che mi permette di mangiare e di mantenere la famiglia, altrimenti , in del stomegh se vedaria la ragnera. Adess però basta cinquantà e mettiamoci al lavoro, su da bravo Gigetto, che puoi superare il maestro!

Ho, me raccomandi, quand che ve capita de vedè quaj pignatta de ramm, pensè a mi, a la mia fadiga de magnan.

Ascolta la musica El Magnano

Vedi gli altri Antichi mestieri milanesi
Vai alla sezione sul Dialetto milanese

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.