El Paisan e El Pret

Una storiella milanese per sorridere

Ona volta, gh'era on paisan. El passava via de la casa d'on fattor, e l'ha vist là tanti bej pollit, e gh'è vegnuu la gola e de robbann vun. E l'ha faa per robball e gh'è restàa in man la coua. A pasqua, quand l'è andaa a confessass, el gh'ha cuntaa che l'ha faa per robbà la pola. E el pret, el gh'ha ditt, che valor podeva avegh. E lu, el gh'ha ditt, che la poreva varè on vott lira. Allora, el pret, el gh'ha ditt, de portaghi là, per far dì tant ben per i mort. Allora, sto paisan, el ghe dis: - «Ma mi, l'ho minga robbada, mi!» - E el pret, el ghe dis: - «El peccàa l'hi faa istess.» - El paisan, per ciappà l'assoluzion, el gh'ha promess, che el gh'avaria portaa i danee. E de nott, el seguitava a pensà, e gh'è vegnuu in ment de ciappàa on poo de carta e bagnalla e mettegh dent on poo de moneda. Alla mattina, inscì ben l'ha faa: l'è andàa in del pret, cont sti danee in la carta bagnada e l'ha miss dent el palpiroeu in del cappell. E el gh'ha ditt: - «Sur Curat, sont chì. Che ie tira foeura del cappell, i danee.» - El curat, el gh'ha ditt: - «Demmi vu.» - E el paisan: - «No, no: l'è mej, che ietira su lu.» - Allora, el curat, l'ha faa per tirà su el palpiroeu; e la carta l'era bagnada e la s'è rotta; e donca, gh'è restaa dent i danee in del cappell e el paisan ghe l'ha dada come el vent. E el curat, el vosava: - «Vuj! m'è restaa in man domà la carta!» - E el paisan, el gh'ha rispost: - «Anca mi, m'è restaa in man domà la cova.» - L'è finida.

 

Una volta c’era un contadino. Passando davanti alla casa del fattore vide tanti bei polli e gli venne il desiderio di rubarne uno. Stava per rubarlo e gli restò in mano la coda. A Pasqua, quando andò a confessarsi, raccontò cosa aveva fatto per rubare la pollastra. Il prete chiese che valore poteva avere. Egli rispose che poteva valere otto lire. Allora, il prete, gli disse, di portarle a lui, per fare dire preghiere per i morti. Allora il contadino gli disse “Ma io non ho mica rubato” – E il prete gli disse.”Il peccato l’hai fatto lo stesso”. Il contadino per ottenere l’assoluzione, promise che gli avrebbe portato il denaro, e di notte, continuava a pensare e gli venne in mente di prendere un po’ di carta, bagnarla e metterci dentro le monete. La mattina, fece così e quindi andò dal prete, con queste monete avvolte  nella carta bagnata e le  mise nel cappello. E disse: “ Signor Curato sono qui. Tolga dal cappello le monete” Il curato gli disse “Dammele tu” e Il contadino “No, no è meglio che le tiri su lei”. Allora il curato fece per tirarle su la somma; ma la carta era bagnata e si ruppe; e dunque i denari restarono nel cappello e il contadino corse via come il vento. E il curato gridava: ”Ehi  voi! Mi è rimasta in mano solo la carta!” – E il contadino gli rispose: “ Anche a me, restò in mano solo la coda“  E’ finita.

(Vittorio Imbriani, La Novellaja milanese, 1877)

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.