El pioeuv

piove milanoEl pioeuv

L'è tutt el di ch'el pioeuv! gh'è quatter piant
de contra ai mè finester, tutt pelaa,
con di brasc longh e magher, che ogni tant
se veden, sballottaa d'on colp d'aria,
piegass in su e in giò, come a dì :
« L'ha de piceuv on pezz anmò? »
Sui veder, luster, luster, l' è on truscià
de gott, che corren, senza nanca pù
fermass a mezza strada a giùgatta.
Da la strada, ven sù
el cicch e cìacch d'ona pedanna stracca...
L'è' on questurin che pesta la pocciacca.
L'avemaria! Mancava doma quella!
Signor! Quella campana la sonava
quell di ch'han portaa via la mia sorella!
Poer angiol !... La cuntava :
«Trii mes,...duu mes,... on mes,., e pœu sont sposa!..»
e, incoeu, l'è là al foppon, povera tosa!
Eppur lee, se in quij di anca el pioveva,
no la perdeva minga l'alegria!
Quand l'era quasi l'ora, la vedeva
cor in portineria
cont ona scusa, e guarda foeura in strada...
E la tornava indree tutta bagnada...
Su la front, sui cavèj, come lusiven
quij gott!... Pareven perla sparpajaa
sora a on'ascia de seda! Benediven
quij oggion innamoraa
l'acqua, i sterlusc, el temp, la palta e i sass,
che gh'aveven a lu fa a slongà el pass!
Povera tosa! E, adess, giò là al foppon,
chissà come te stee ! Quij to cavej
chissà com' hin consciaa ! Quij bej oggion ...
Ah, Madonna, l'è mej
l'è mej fa mostra de pensaghen no ...
.......................................
E sta ciolla d'on temp el pioeuv anmó !

Giulio Silva



Traduzione:


Piove

E' tutto il giorno che piove. Ci sono quattro piante contro le mie finestre, tutte pelate con delle braccia lunghe e magre che ogni tanto sono sballottate da un colpo d'aria, piegate in sù e in giù come a dire: Deve piovere ancora per molto?
Sui vetri, lucidi, lucidi è uno strusciare di gocce che corrono, senza neanche fermarsi a mezza strada a giocherellare. Dalla strada vien su il rumore di una camminata stanca. E' un questurino che pesta nella fanghiglia.
L'avemaria! Mancava solo quella! Signore! Quella campana suonava il giorno che hanno portato via mia sorella. Povero angelo.... Contava: tre mesi... due mesi... un mese... e poi sarò sposa. E oggi è la nella fossa, povera ragazza. Eppure lei, anche se quei giorni pioveva, non perdeva l'allegria. Quando era quasi l'ora la si vedeva correre in portineria e con una scusa guardare nella strada ... e tornava indietro tutta bagnata. Sulla fronte, sui capelli come lucevano quelle gocce. Sembravano perle sparpagliate sopra un nastro di seta e benedivano quegli occhioni innamorati l'acqua, i lampi, il tempo, il fango e i sassi che avevano fatto allungare il passo a lui.
Povera ragazza. Adesso giù nella fossa, chissà come stai. Quei tuoi capelli chissà come sono conciati. Quei tuoi begli occhioni...
Ah, Madonna, meglio non pensarci ........
E sto brutto tempo piove ancora.

dialetto milanese




Vedi anche la sezione sul Dialetto milanese

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.