Grammatica milanese

cultura milaneseIl Milanese è una lingua celtica. Lingua e non dialetto, in quanto possiede una nutrita grammatica codificata e una letteratura che non ha nulla da invidiare alle altre lingue.
Ci sono, al contrario della lingua toscana 12 vocali con molteplici pronunce e molteplici significati.

A Milano una volta si diceva che “l’è tutt on CALCATRAPPOLA”, (si legge: l’è tutt un calcatrapula), ossia un guazzabuglio infinito!


VOCALI :

a = si legge come in lingua toscana (ad esempio: “cann”)
à = ha una pronuncia nasale (ad esempio: Milàn, can, pan)
aa = a fine parola nel participio passato “-are”, si legge come la “a” con suono prolungato (ad esempio: compraa, andaa, mandaa, faa)
È = si legge aperta. La classica vocale meneghina ! (esempio: coteletta, cavei)
E = si legge chiusa. (ad esempio: “ben”, “conven”, “pes”)
I = va accentata e pronunciata con suono lungo se seguita dalle consonanti “d” “l” “n” e “r” (esempio: decid, sorbettin, robettin, pin, cattanin, ris, barbis)
I = seguita dalle vocali ha un suono tronco (esempio: voeuia)
J = sostituisce la “gl” lingua toscana (voeuja = vuota). In antico Milanese dobbiamo notare una parola che traduce “li-loro” e che si scriveva “je” e che si legge “ie” (je, jer, ajutt, aj, mej)
JI = si legge sempre “i” con suono prolungato
U = si usa soltanto vicino a “g” e “q” ed ha lo stesso suono di “mur” in francese
O = si legge sempre “u” (soo, sont, offellee)
Ó - ò = chiusa. Si legge “u”. Aperta si legge come in lingua toscana
OEU = come in francese “coeur” (oeuv, voeuj, moeuj, coeur)
Ô = u accentata con alcune complicazioni. In « Sô” ha un suono breve mentre in “resgiô” ha un suono prolungato.

CONSONANTI:

La prima regola è che le consonanti doppie si leggono sempre come singole. Ad esempio : bell, mòll, dònn, cann.
C e G senza la « h » hanno un suono dolce se seguite dalle vocali « e » ed « i ».
Seguite dalla « h » hanno un suono gutturale.
Quando sono precedute da « s » la cosa cambia completamente :

Scena = si legge « scèna » (con la e aperta)
S’cena, s’giaff, s’ciòpp = si legge s e c quasi come se avesse il suono di uno starnuto. Suono che in lingua toscana non esiste.
B-D = si leggono a fine parola come « p »
V = si elide in mezzo alla parola (scova diventa « scoa »), mentre si legge se posta all’inizio di parola (ven, vinell, avarizia, avemaria, venil, vinc)
Z = si legge come la « s » in lingua toscana di « si » (verz, marz)

NOMI:

In Milanese ci sono due generi: maschile e femminile. Per il neutro si usa l'articolo maschile.

Maschile: El
Femminile: La
Plurale per entrambi: I

SINGOLARE PLURALE
Maschile: El fioeu I fioeu
Femminile: La tôsa I tosànn

L'articolo "El" si trasforma in "l'" (con apostrofo) se si mette dopo la vocale, mentre "'l" prima della vocale.
Esempi:
L'òmm
l'ultim
'l fioeu

"La" diventa "l'" dopo la vocale:
L'ôngia
l'èrba

Articolo indeterminato:
Maschile: On
Femminile: Ona

La "o" si può elidere quando viene preceduto e seguito da vocale:

Gh'è 'n òmm
Gh'è 'n odôr

Gh'è on'amìsa
Gh'è 'na dònna
Gh'è 'n'amìsa

Aggettivo Dimostrativo:

Chél.......chì
Stô (.......chì)
Chéla.......chì
Sta (.......chì)
Chi.......chì
Sti (.......chì)

Chél.......lì
Chéla.......lì
Chi.......lì
Chél.......là
Chéla.......là
Chi.......là

Esempio:
T'hee giamò parlaa con sti tosànn chì?


PRONOMI PERSONALI:



Lu - Lee
El - La
Nunch (Numm)
Vialter
Lôr

Esempi:
Mì parli
Tì te parlet
Lu el parla
Lee la parla
Nunch parlom
Vialter parlii
Lôr i parlen (forma antica)

Nella forma antica per la prima persona singolare si usava "Mì a parli" e per la prima persona plurale "Nunch a parlom" In antico Milanese la forma interrogativa si mettono sempre i pronomi dopo il verbo.

Esempio:
Forma antica: Voeurela ? (Lei vuole ?)
Forma moderna: La voeur ?
Forma antica: Cantel ? (lui canta ?)
Forma moderna: El canta ?

Lu, el
Lee, la

Se Lu el voeur, vègni
Se Lee la voeur, végni

VERBI:

Prima coniugazione verbi regolari terminanti in -à

VARDÀ (guardare)

Indicativo Presente: Mì Vardi, Tì te vardet, Luu el varda, Lee la varda, Nunch a vardom, Vialter vardee, Lor varden

Passato: Mì vardavi, Tì te vardavet, Luu el vardava, Lee la vardava, Nunch vardavom, Vialter vardavov, Lor vardaven

Futuro: Mì vardaroo, Tì te vardareet, Luu el vardarà, Lee la vardarà, Nunch vardaremm, Vialter vardii, Lor vardarann

Passato Prossimo: Mì hoo vardaa, Tì t’hee vardaa, Luu Lee l’ha vardaa, Nunch emm vardaa, Vialter avii vardaa, Lor hann vardaa

Imperfetto: Mì avevi vardaa, Tì t’avevet vardaa, Luu Lee aveva vardaa, Nunch avevom vardaa, Vialter avevov vardaa, Lor aveven vardaa

Futuro anteriore: Mì avaroo vardaa, Tì l’avaree vardaa, Luu Lee l’avarà vardaa, Nunch avaremm vardaa, Vialter avarii vardaa, Lor avarann vardaa


Seconda coniugazione verbi regolari terminanti in –è

VEDè (vedere)

Indicativo Presente: Mì vedi, Tì te vedet, Luu el ved, Lee la ved, Nunch a vedom, Vialter vedii, Lor veden


Passato: Mì vedevi, Tì te vedevet, Luu el vedeva, Lee la vedeva, Nunch vedevom, Vialter vedevov, Lor vedeven

Futuro: Mì vedaroo, Tì te vedareet, Luu el vedarà, Lee la vedarà, Nunch vedaremm, Vialter vedarii, Lor vedarann

Passato Prossimo: Mì hoo veduu, Tì t’hee veduu, Luu Lee l’ha veduu, Nunch emm veduu, Vialter avii veduu, Lor hann veduu

Imperfetto: Mì avevi veduu, Tì t’avevet veduu, Luu Lee aveva veduu, Nunch avevom veduu, Vialter avevov veduu, Lor aveven veduu

Futuro anteriore: Mì avaroo veduu, Tì l’avaree veduu, Luu Lee l’avarà veduu, Nunch avaremm veduu, Vialter avarii veduu, Lor avarann veduu


Terza coniugazione verbi regolari terminanti in –ì

SENTì (sentire)


Indicativo Presente: Mì senti, Tì te sentet, Luu el sent, Lee la sent, Nunch a sentom, Vialter sentii, Lor senten

Passato: Mì sentivi, Tì te sentivet, Luu el sentiva, Lee la sentiva, Nunch sentevom, Vialter sentevov, Lor senteven

Futuro: Mì sentiroo, Tì te sentieet, Luu el sentirà, Lee la sentirà, Nunch sentiremm, Vialter sentirii, Lor sentirann

Passato Prossimo: Mì hoo sentii, Tì t’hee sentii, Luu Lee l’ha sentii, Nunch emm sentii, Vialter avii sentii, Lor hann sentii

Imperfetto: Mì avevi sentii, Tì t’avevet sentii, Luu Lee aveva sentii, Nunch avevom sentii, Vialter avevov sentii, Lor aveven sentii

Futuro anteriore: Mì avaroo sentii, Tì l’avaree sentii, Luu Lee l’avarà sentii, Nunch avaremm sentii, Vialter avarii sentii, Lor avarann sentii

Torna alla sezione "Rubrica di Cultura Milanese"
Vai alla sezione sul Dialetto milanese

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.