I duu mai content

zuzza-cieloUna storiella in dialetto milanese per ricordarci che a tirar troppo la corda... prima o poi si spezza.

Gh'era ona donna, che ciamaven Chiara. L'era povera; l'andava a cercà la caritàa e a tœu su el rud per i strad. On dì l'ha trovàa ona gianda de zucca e l'ha piantada. Poch temp dopo, de quella gianda è cressùu ona pianta, che la rivava finn a al ciel. So marì, el ghe dis: - «Te dovariet rampegà su quella pianta; e andà del signor, a domandagh, de dann almen pan assèe.» - E lee, l'andava su e - «Tacch, tacch!» - «Chi l'è?» - «L'è la povera Chiara, che gh'ha bisogn ona grazia.» - Allora, el signor ghe rispondeva: - «Che grazia te vœut?» - «La grazia de avegh almen pan assèe.» - «Va, che el pan assèe te ghe l'avaret.» - Dopo, el marì, el ghe diseva de tornà anmò in ciel, a cercà la grazia, d'avegh la minestra tutt i dì e la carna a la festa. E el signor: - «Te gh'avaret la minestra tutt i dì e la carna a la festa.» - Ma el marì, mai content, el ghe diseva de tornà sù, per domandà la carna tutt i dì e la tavola a la festa. El signor, semper bon, i ha vorrùu contentà anca in quest. El marì, el torna ancamò a dì de cercà la tavola tutt i dì e la carozza per andà a spass. El signor: - «Te gh'avaret la tavola tutt i dì e la carozza per andà a spass.» - Dopo, la gh'ha dimandàa al signor el titol de contessa per lee e de cont per so marì. Ma el signor, l'ha perdùu la pazienza; el gh'ha rispost: - «Va, che ti te saret ona stronzessa e to marì on stronz.» - La pianta, la s'è spezzada e l'è borlada in del rud insemma ai dùu mai-content.

C'era una donna che chiamavano Chiara. Era povera e andava a cercare la carità e a raccogliere la spazzatura per strada. Un giorna trovò un seme di zucca e lo piantò. Poco tempo dopo il seme spuntò e divenne una pianta che saliva fino al cielo. Suo marito le disse: «Ti devi arrampicare sulla pianta e andare dal Signore a domandargli di darci pane a sufficienza»
E lei andò su e - «Toc Toc!» - «Chi è?» - «Sono la povera Chiara, che ha bisogno una grazia.» - Allora il signore le rispondeva: - «Che grazia vuoi?» - «La grazia di avere pane abbastanza.» - «Va, che avrai pane abbastanza.» - Dopo, il marito, le diceva di tornare ancora in cielo a cercare un'altra grazia, d'avere la minestra tutti i giorni e la carne al giorno della festa. E il signor: - «Avrai la minestra tutti i giorni e la carne al giorno della festa.» - Ma il marì, mai contento, le diceva di tornare sù, per domandare la carne tutti i giorni  e la tavola imbandita alla festa. Il signore, sempre buono, ha voluto accontentarli anche in questo. Il marito, torna ancora dalla moglie a dirle di cercare la tavola imbandita tutti i giorni e la carozza per andare a spasso. Il signor: - «Avrai la tavola tutti i giorni e la carozza per andare  a spasso.» - Dopo, ha nuovamente domandato al signore il titolo di contessa per lei e di conte per suo marito. Ma il signore ha perso a pazienza e le ha risposto - «Vai, che tu sarai una stronzessa e tuo marito uno stronz.» - La pianta si è spezzata ed è caduta nella spazzatura insieme ai due mai contenti.

(Vittorio Imbriani, La Novellaja milanese, 1877)

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.