La sciora e la serva

sciora servaUna storiella dialettale che parla di una Signora e della sua Serva:

 

Ona volta, gh’era ona sciora, che la gh’aveva in cà ona serva; e l’era tant avara! La voreva minga dagh de mangià. E, ona volta, la s’è amalada sta serva, e la s’è ciappaa puntigli e l’è andada semper a mangià a ca soa. E la padronna la ghe dimandava: “Cossa te gh’het, di, che te manget pu?” La serva, la gh’ha ditt: “Sout amalada;  sont stada vott dì senza mangià; e adess gh'hoo famm pu.» La padronna, l'ha ditt: ”Provaroo anca mi a sta vott dì senza mangià, per vedè, se me ven famm pu anca a mi.” Quell di trii o quatter dì l'è andada innanz; e poeu, quell di cinq dì, l'è stada pu bonna de levass su de la gran famma; e l'era pu bonna nanca de parlà. La seguitava a fa segn con duu dit, che ghe calava apenna duu dì a finì. E la serva, l'ha veduu che la parlava pu, l'è andada a ciamà el pret. El pret, el ved che la fa semper segn con sti duu dit, el gh'ha dimandaa a la serva, cossa la voreva dì con sto segn. E lee, la diseva, sta serva, che, intant che l'era in vitta, la diseva semper, che la soa sostanza l'era de spartì in duu, al curat e a la serva. E gh'andava là tutt i so parent; e ghe diseven, cosse la voreva dì? perchè la fava sti segn? E ie diseven a tutti, che la lassava la soa sostanza a duu. El pret, l'ha faa giò el so testament lu; e, quand l'è morta, han ciappàa lor duu tutt coss.

Una volta c’era una signora, che aveva in casa una serva, ed era tanto avara! Non voleva neanche darle da mangiare. E, una volta, che questa serva si è ammalata, e per puntiglio è andata sempre a mangiare a casa sua. E la padrona le domandava: “Cos’hai detto, che non mangi più?” La serva le ha detto “Sono ammalata; sono stata otto giorni senza mangiare; e adesso non ho più fame” La padrona ha detto “Proverò anch’io a stare otto giorni senza mangiare, per vedere se non viene più fame anche a me” Quella è andata avanti per tre o quattro giorni; e poi, al quinto giorno, non è stata più capace di alzarsi per la gran fame; e non era più capace neanche di parlare. Continuava a far segno con due dita, che la mancavano appena due giorni alla fine. E la serva, visto che non parlava più, è andata a chiamare il prete. E il prete, vedendola fare sempre il segno con queste due dite, domanda alla serva, cosa volesse dire con quel gesto. E lei, questa serva, diceva, che mentre era in vita, le diceva sempre, che la sua ricchezza era da dividere in due, al curato e alla serva. E andavano tutti i suoi parenti; che chiedevano, cosa volesse dire? perche faceva questi segni? E loro dicevano a tutti che lasciava la sua ricchezza a due. E il prete fece già suo il testamento; e, quando morì, loro due presero tutto.

Paola Montonati

 (Vittorio Imbriani, La Novellaja milanese, 1877)

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.