• Home

Mangià Milanes

risotto milanese ossobuco foto milanofreeVi voglio intrattenere con due simpatiche ricette milanesi decantate da Carlo Maria Maggi e Giuseppe Fontana. Carlo Maria Maggi, scrittore, commediografo e poeta milanese, considerato il padre della letteratura milanese moderna, che ci ha lasciato preziose testimonianze nei suoi scritti.  Giuseppe Fontana, il cuoco poeta, appassionato e cultore della lingua milanese, la usa, ad esempio, nella sua opera "La cusinna de Milan", dettando in versi le varie ricette. Eccovi ora le due ricette e le loro storie.

El Meneghin del Maria Maggi, è costretto, ingiustamente accusato di aver rubato un orologio, a lasciare Milano e, nell'andarsene, rimpiange tutte le belle e buone cose che deve abbandonare. Ne "il Barone di Bìrbanza" il Maggi scrive:

Mortadell di Trii Scagn,

busecca della Goeubba,

passaritt di Trii Merla,

carna de manz del Pioeucc,

ris in cagnon del Fus,

supp sbrooesger di Tre Legor,

formai della Cagnoeura,

stracchin della Senavra,

guarnazza del Bisson,

moscatell di Trii Re,

montarobbi del Gall,

pont de Stura del Gamber,

malvasia d'offellee,

tutt coss de Tesoree,

el vost car Meneghin

el va in lontan paes...

Se pù no' s vedaremm, a revedès!

 

Ben si evidenzia come tra le buone cose che deve lasciare, vi sia la buona cucina con i nomi delle osterie dove si potevano gustare queste leccornie.

Del Fontana invece vi voglio descrivere, sempre in vernacolo, la ricetta del suo risotto alla milanese. Il titolo dice: El rìsott a la milanese.

 

Sù, sù, mett in padella el tò butter

e on tochell de scigola ben tridada.

Mett a foeugh, fa tostà, movend sul fond

col mestolin e tirel d'on bell bìond.

Dent el ris. Ruga, bagnel cont el vin

bianch, magher (mezz bìcer). Dent el zaffran.

Ruga. Fagh sugà el vin. Sent che odorin!

Sugaa? Giò el broeud da man a man.

Boffa sòtt che 'l dev buj a la pù bella

da vedell a sparà in de la padella.

Bagnel del tutt e rangiel giust de saa.

Lassel coeus. Brava. Gratta giò el granòn.

Oi, oi sòtt, sòtta foeugh chel sè incantaa!

Gina, che risottin, che odor de bon'

ten rugaa veh! Adasi e dappertutt.

Varda, l'è quasi all'onda. On trii minut.

Giò che l'è pront. L'è mòll? Fa nient, el ven.

Dent el grana abbondant e on bell tocchel

de butter, poeu mantècchel ben, ben, ben,

menand sù svelt ch'l ven bon e bell.

Quest chi sì, l'è on risòtt che var la spesa,

on risòtt pròpi faa a la m ilanesa!

 

Davvero una leccornia, provare per credere. E per chiudere in bellezza vi elenco alcuni detti attinenti il mangiare, sempre ovviamente in Dialetto milanese.

  • A tavola se ven mai vecc.
  • A tegnì bon el vin ghe voeur cantinna bòna.
  • Chi sa el latin, loda l'acqua e bev el vin.
  • Cont el vin se cascia via la bòlgira.
  • Dietta e broeud longh, mennen l'omm a l'alter mond
  • El vin l'è bon se gh'è l'osta bella
  • El vin l'è la tetta di vecc
  • L'apetit l'è la salsa pussee bòna che ghe sia
  • Né a tavola, né in lett no ghe voeur rispett

E poi c'era questa simpatica filastrocca:

Crapapelada l'ha fa i tortej

ghe n'ha da minga ai sò fradej,

i sò fradej hann fa la frittàda

ghe n'hann da minga a Crapapelada.

 

Leggi anche:

Detti milanesi

Ricette milanesi

Copyright © 2006 - 2019 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT13181390157 MILANO TORINO PAVIA RIMINI