Vèggia Milan

milan gran milanVèggia Milan

Gh'è 'sta Milan colossal, grand hotel,
grattaciel, la metropolitana,
supermercaa, gran via-vai, autobus e tramway
e la gent a fiumana.
Ma in de 'sto grand polpetton,
a s'è salvaa anmò on canton,
l'è quell fettin de cittaa
che la gent milanesa ghe pias ritroà.

Sòtta brascett per la veggia Milan,
in doe tutt'i casètt g'hann al massim trii pian,
piccol finester coi bej vas de fior,
ornaa de tendinn coi disegn a color.
Vecc costruzion senza celebritaa
che senten de nott el navili parlà,
ai milanes el ghe manda on appell,
"Fee no sparì 'sto canton inscì belI"

Bej donn s'crusciaa su la preja bagnada,
a fil d'acqua, lavaven con lèna,
per tirà grand i futur industriai de Milan,
se s'ceppaven la s'cèna.
Guardi el navili passà e j saludi sott vos.
Nun gh'emm 'sta bella cittaa, automobil, bej cà,
lor, l'artrite… o ona cros.


Traduzione

Vecchia Milano

C’è questa Milano colossale:grandi alberghi,
grattacieli, la metropolitana,
supermercati, gran via-vai, autobus e tram
e la gente a fiumana.

Ma in questo grande polpettone,
si è salvato ancora un angolo,
è quello spicchio di città
che alla gente milanese piace ritrovare.

Sottobraccio, per la vecchia Milano,
dove tutte le casette hanno al massimo tre piani,
piccole finestre con bei vasi di fiori,
ornate di tendine a disegni colorati.

Vecchie costruzioni senza celebrità
che sentono, di notte, parlare il naviglio,
che manda ai milanesi un appello:
“Non fate sparire quest’angolo così bello!”

Belle donne accovacciate sulla pietra bagnata,
a filo d’acqua, lavavano di lena,
per crescere i futuri industriali di Milano;
si rompevano la schiena.

Guardo il naviglio passare e le saluto sottovoce.
Noi abbiamo questa bella città, automobili, belle case,
loro, l’artrite... o una croce.

dialetto milanese




Vedi anche la sezione sul Dialetto milanese

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.