IMU, regna l’incertezza

IMU, tassa sulla casaA metà giugno è previsto il pagamento dell’acconto dell’Imu ma a seguito del caos in cui si sono ritrovati i Comuni italiani che devono decidere su quale aliquota calcolare la nuova tassa che va a modificare le entrate degli enti statali, il governo ha deciso di calcolare la prima rata con le aliquote base mentre e gli aumenti deliberati dai Comuni saranno applicati a conguaglio sul saldo di dicembre.

I cittadini pagheranno quindi la metà della somma ottenuta applicando il 4 per mille sull’abitazione principale e il 7,6 per mille sugli altri immobili. Le aliquote relative alle case vanno calcolate sulla rendita catastale moltiplicata per 160 e dal risultato solo per la prima casa va sottratta la detrazione di 200 euro, incrementata di 50 euro per ciascun figlio residente sino  a 26 anni di età  con un massimo di 300 euro.
A dicembre poi una volta che i Comuni avranno stabilito le aliquote definitive che potranno variare dal 2 al 6 per mille sarà detratto dal saldo quanto già pagato con l’acconto.

Rispetto all’ICI si dovrebbe pagar più o meno lo stesso importo sulla prima casa mentre la stangata avverrà sulle seconde case e pertinenze.

Copyright © 2006 - 2019 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT13181390157 MILANO TORINO PAVIA RIMINI