Il diavolo di Porta Romana

palazzo acerbi milanoSi narra che in corso di Porta Romana 3, presso il Palazzo Acerbi, risalente al XVI secolo che ebbe come primo proprietario nel 1577 il conte di San Secondo, Pietro Maria Rossi,  e successivamente il ricchissimo marchese Ludovico Acerbi nel 1615 che fece ristrutturare il palazzo in stile barocchetto lombardo cosi' come lo vediamo ancora oggi, ci fosse la dimora del diavolo.

La leggenda narra che il marchese Acerbi fosse ritenuto dai milanesi il diavolo in persona in quanto non curante del periodo della peste a Milano del 1630, quella che il Manzoni racconta ne I Promessi Sposi, continuava a sperperare denaro per abbellire il palazzotto e ad organizzare feste sfarzose per i nobili rimasti in città.

Ovviamente la credenza è frutto di male dicerie sul marchese poiché Ludovico Acerbi morì nel 1622 mentre la peste scoppiò a Milano nel 1630.

Un anonimo cronista dell’epoca così descrive il satana di Porta Romana: «Di anni cinquanta in circha con barba quadra et longa, né magro né grasso, né bianco né nero. Comparisce ogni giorno in carrozza superbissimo con sedici staffieri giovani, sbarbati, vestiti di livrea verde dorata et con assai copia di gioie e sei cavalli tirano la sua carrozza».

Chi di notte passava per Milano trovava strade piene di morti ma passando davanti al palazzo al numero 3 di Porta Romana poteva sentire l'allegria delle feste e della musica che echeggiava dai sontuosi saloni.

Quando la peste finì lasciando una Milano nel caos e nella crisi economica causata da migliaia di morti,  tutti si resero conto che  in casa Acerbi nessuno era stato colpito dalla peste, nè gli abitanti nè gli illustri ospiti. Anche per questo i milanesi erano convinti che il Diavolo in persona festeggiasse in corso di Porta Romana 3.

Dove:
corso di Porta Romana , 3
20122 Milano  (Mi)

Vai alle Leggende di Milano

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.