• MODA
  • Kenzo per H&M

Kenzo per H&M

kenzo per hmDopo Isabel Marant, Karl Lagerfeld, Sonia Rykiel, Roberto Cavalli, Maison Margiela, Versace, Jimmy Choo, Marni, Victor&Rolf, Alexander Wang e Balmain, ancora una volta una casa di moda internazionale collabora con H&M.

In questi giorni è arrivata la conferma ufficiale su chi sarà ed ecco che Carol Lim e Humberto Leon direttori creativi di Kenzo, sono i nuovi guest design di quest'anno, coloro i quali creeranno una nuova linea di abbigliamento per il colosso svedese del fast-fashion.

Due collezioni, una femminile e una maschile, stampe vivaci, ricche di colore, completate entrambe da accessori.

I prezzi saranno democratici.

I capi saranno disponibili a partire dal 3 novembre in 250 punti vendita nel mondo.

"Non vediamo l'ora di far conoscere a tutti il mondo di Kenzo per H&M, con tutta la creatività, il divertimento e l'amore per la moda che lo contraddistingue" ha spiegato Ann-Sofie Johansson, Creative Advisor di H&M.

Mentre Carol Lim e Humberto Leon raccontano: "Questa collaborazione con H&M ci consente di pensare in grande, andare oltre i limiti e portare la nuova energia di KENZO a chi ama la moda in tutto il mondo".

Lim e Leon, il duo creativo che si è affermato grazie a sfilate di forte impatto, collaborazioni artistiche e campagne digitali con un'intensa impronta creativa, porterà il suo joie-de-vivre anche in questa collaborazione. Non mancheranno le influenze globali mixate con l'energia dello street-style la loro moda è giovane ed evocativa.

La maison parigina capitanata dal 2011 da Carol Lim e Humberto Leon nasce da Kenzo Takada.

Kenzo Takada si trasferisce a Parigi, dove negli anni Settanta apre la sua prima boutique, Jungle Jap nella Galérie Vivienne, nel quale lo stilista commercializza le proprie creazione. Il mondo della moda rimane sorpreso dall'originalità dei suoi capi e dalla celebrazione della novità che avviene grazie all'innovativo design che unisce culture differenti.

Copyright © 2006 - 2021 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964