• Home
  • MONUMENTI
  • Mediolanum: il quartiere del Palazzo Imperiale in Corso Magenta

Mediolanum: il quartiere del Palazzo Imperiale in Corso Magenta

Mediolanum: da piccolo borgo celtico questo insediamento si trasformò nei secoli fino a divenire la capitale occidentale dell’impero più grande del Mediterraneo, quello romano. Un impero in crisi ma sempre dominante durante il lento declino del III e IV secolo d.C.

L’area tra corso Magenta e via Nirone, oggi occupata dal Civico Museo Archeologico e dalla chiesa di San Maurizio, è collocata in un contesto di eccezionale interesse storico-archeologico: sono ancora visibili i resti delle fondamenta di un’abitazione privata del I secolo d.C., esclusa dalle prime mura augustee di Mediolanum ma annessa poi all’interno del circuito delle successive mura massimianee, del III secolo d.C., presso le quali era situato il monumentale e grandioso circo appena realizzato.

Tutto il complesso è racchiuso in un più grande progetto edilizio che era quello del quartiere del Palazzo imperiale, coevo centro del potere politico di cui alcuni resti sono visibili in via Brisa.

Solo qualche secolo più tardi, nell’VIII secolo d.C., nella stessa area furono fondati il Monastero Maggiore di San Maurizio, con l’ex-convento annesso.

Attualmente si conservano soltanto due torri: una poligonale (a 24 lati) appartenente al circuito murario, detta poi torre di Ansperto dal vescovo del IX secolo che la ristrutturò e la inglobò nel monastero. Presenta affreschi al suo interno; l’altra facente parte del circo, posta presso le celle di partenza dei carri (dette carceres). La sua conservazioni è merito del riadattamento a campanile della chiesa medievale di San Maurizio. 

 

Fonti:

AA.VV. 2007, Immagini di Mediolanum. Archeologia e storia di Milano dal V secolo a.C. al V secolo d.C., pp. 301-308. 

  

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.