Palazzo Reale: L’età dell’oro di Milano

eta oro milanoOgni sera fino al 21 giugno, a partire dalle 21:30 fino a mezzanotte, nelle calde serate primaverili di Milano, sulla facciata di Palazzo Reale si accenderà una serie di proiezioni sulla storia della città sotto i Visconti e gli Sforza, dal Trecento fino alla fine del Quattrocento.

Intitolata L’età dell’oro di Milano, l’installazione è idealmente collegata alla mostra Dai Visconti agli Sforza a Milano, che si tiene proprio presso Palazzo Reale di Milano fino al 28 giugno e che racconta quello che fu il periodo di massimo splendore per il capoluogo milanese, fino all’arrivo, nel 1492, dei Francesi di Carlo VIII, oltre a far parte delle varie iniziative di Expo in città, che cercheranno far conoscere ai turisti dell’Esposizione Universale una Milano inedita.

Ma il vero scopo dell’installazione rimane quello, in un mondo, dove molti giornali internazionali sostengono che Milano sta vivendo sotto Expo un secondo Rinascimento, quello che fu per il capoluogo lombardo il vero Rinascimento, dove, con famiglie come Visconti e Sforza la città era meta dei più noti nobili europei, oltre ad ospitare il grande Leonardo Da Vinci, che lavorò all’organizzazione di moltissime feste e a molte invenzioni, nonché all’Ultima Cena, per Ludovico il Moro e la moglie Beatrice D’Este.

Solo con la colonna sonora di musica rinascimentale e immagini meravigliose, per un attimo gli spettatori avranno l’impressione di vivere quel passato ormai lontano.

Nel progetto, ideato da Castagnaravelli con Agon come produttore, quattro sono i temi che ci ricordano com’era Milano ieri e oggi:

- La cultura e l’eleganza presso i Visconti e gli Sforza, che oggi rivivono nella moda e nel design del quadrilatero della Moda di Milano.

- Il tempo delle conquiste territoriali nel Nord Italia, che ha consentito a Milano una posizione invidiabile dal punto di vista economico. 

- L’aiuto ai poveri e malati meno ricchi, che sotto gli Sforza si concretizzò nella costruzione del Lazzaretto per i malati di peste.

- Il grande rinnovamento urbanistico e architettonico, che vide la nascita del Duomo di Milano, di Santa Maria delle Grazie e del Castello Sforzesco.

Le immagini proiettate, che si riferiscono al mondo di Leonardo e alla simbologia dei tarocchi rinascimentali, sono un ponte ideale tra presente e passato, che alla fine si ritrovano in una danza festosa al suono degli strumenti dell’epoca, sempre con un occhio rivolto al mondo del XXI secolo. 

Copyright © 2006 - 2021 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964