Velodromo Vigorelli: una rinascita milanese

velodromo-vigorelliIl progetto vincitore del concorso internazionale è stato scelto, ora tutta la città attende impaziente la rinascita del Vigorelli. Stando a quanto deciso il nuovo Vigorelli, dopo 15 anni di abbandono, diventerà un centro polifunzionale aperto a una moltitudine di attività, principalmente sportive ma non solo.

Il progetto vincitore è frutto di un lavoro di un gruppo di architetti e ingegneri, il cui capogruppo è Vittorio Grassi, che ha già realizzato numerosi interventi su impianti sportivi. Il gruppo è formato da John Barrow, Knut Goppert, Marija Golubovic, Giuseppe Gaspare Amaro e Giorgio Veronelli.

La proposta mira a rivitalizzare l'edificio storico in un contesto moderno, senza entrare in diretta concorrenza con gli impianti esistenti sul territorio comunale, ma creando una struttura integrata innovativa che si concentra sull’impronta dell’edificio esistente per rafforzare il valore storico e simbolico del Vigorelli.

Il Vigorelli diventa un impianto polifunzionale, flessibile, trasformabile che sebbene continuerà a ospitare il ciclismo sarà potenziato nelle sue funzioni diventando al tempo stesso la seconda Arena di Milano. Senza contare che grazie alla possibilità di configurare il campo e le strutture in maniera modulare, potrà accogliere tante discipline sportive come rugby, football americano, hockey su prato, tennis, basket, free climbing, Bmx trial e boxe nella storica palestra, che verrà preservata. E sarà ancora un Velodromo: alla vecchia pista verrà sostituita una struttura mobile omologata (250 metri), tecnologicamente avanzata, che consentirà l’attività agonistica.

Si prevede inoltre di realizzare il Museo del Vigorelli proprio per rinsaldare il legame storico dell’impianto con le due ruote e a rafforzarne il suo valore simbolico, che sarà collocato nell’ala nord dell’impianto, dove verrà conservata anche parte della storica pista.

Il progetto inoltre prevede anche un'Accademia dello Sport, attrezzata al piano terra con una spazio per eventi o sport indoor, aree per la formazione, l’insegnamento, la medicina dello sport, salottini. Al secondo piano è prevista una foresteria con 18 camere doppie che potranno essere utilizzate dal concessionario o dagli sponsor dei vari eventi come ulteriori ambiti di intervento e sviluppo.

Copyright © 2006 - 2021 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT11086080964