• Home
  • MUSEI
  • Il Museo delle Farfalle di Valverde nell'Oltrepò Pavese

Il Museo delle Farfalle di Valverde nell'Oltrepò Pavese

giardino farfalle valverde paviaLeggendo il titolo si è portati a pensare al classico museo chiuso dove si possono ammirare farfalle di ogni tipo, chiuse in teche e tenute in evidenza da un sottile spillo infilato in un opportuno materiale; nulla di tutto questo, il Museo in questione è in un giardino e le farfalle sono libere di svolazzare di fiore in fiore. Mi spiego meglio, sicuro di offrire agli appassionati o a curiosi la possibilità di vedere queste bellissime e variopinte creature.

Per entrare nell'oasi delle farfalle dobbiamo raggiungere la località Valverde, che è un comune della provincia di Pavia, trovandosi nell'Oltrepò Pavese, nella zona tra la collina e la montagna, dove la Pianura Padana si avvia verso l’Appennino. In un paesaggio bellissimo di prati, radure e foreste, dove scorre il rio Morcione, noto per formare delle cascate, è stato istituito il Parco del Castello di Verde, un bosco di 330 ettari divenuto Riserva Naturale.

All'interno di questo Parco troviamo il Giardino delle Farfalle, percorribile in circa 50 minuti e che si estende per un chilometro. Questo progetto è stato fatto con il Dipartimento di Ecologia dell’Università di Pavia, ed è unico nella nostra regione. La finalità dell’iniziativa è di valorizzare, salvaguardare, incrementare e studiare questi stupendi insetti, facilitandone l’osservazione direttamente nel loro ambiente naturale. Percorrendo il territorio è possibile imbattersi in una diversa varietà di vegetazione, ma anche di volatili e animali quali la Volpe, lo Scoiattolo, il Riccio e altri. Un vero divertimento soprattutto per i bambini. Tuttavia le curiosità non si fermano qui, infatti, è possibile percorrere il “Sentiero Malaspiniano” che collega i resti del Castello di Verde con la Rocca di Oramala e quella di Varzi. Il Sentiero Malaspiniano è così chiamato poiché correva lungo il percorso dei feudi appartenenti alla nobile famiglia dei Malaspina, e che collegava la pianura padana al mar Ligure. Il castello di Verde faceva parte del feudo di Oramala, feudo conosciuto già dal 1029, quando il diacono Gerardo dona la rocca di Oramala. Questa località è una frazione del comune di Val di Nizza in provincia di Pavia.

Le varietà di farfalle che si possono osservare sono parecchie, e per chi non le osserva con occhi da studioso, resta comunque affascinato dai colori e dalla grazia di quest’insetto, tra l’altro ben disposto a lasciarsi fotografare.

La farfalla trova collocazione anche nel simbolismo, infatti, la troviamo come significazione di resurrezione, grazie al mutare di forma dell’insetto; dell’anima immortale che abbandona l’anima del defunto. Nelle opere d’arte vediamo Psyche comparire con ali di farfalla, così come il dio del sonno Ypnos è raffigurato con ali di farfalla vicino alla testa. Simbolo dei trapassati e degli avi, della leggerezza e leggiadria, della vita e del tempo che si evolve e cambia, del mutamento.

Il termine farfalla deriverebbe dalla radice “muoversi vibrando”. 

Per raggiungere la località si prende l’A7 Milano – Genova, si esce a Castel Gerola e si seguono le indicazioni per Varzi, giunti a Ponte Nizza si svolta a sinistra per Valverde. Da Voghera vi sono autolinee giornaliere. Per informazioni: tel. 0383/589163 – mail: comune.valverde@libero.it

Leggi anche:

Farfalle vive: un regalo originale non per tutti

Seguici su Facebook

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.