• Home

Musei Archeologici in Lombardia

musei-archeologici-lombardiaCon questo nuovo lavoro desidero portare a conoscenza dei lettori di MilanoFree, i Musei presenti nella nostra regione, così da facilitarne la scelta e l’eventuale visita. Ho ritenuto opportuno mettere in ordine alfabetico per tipologia anziché per disposizione di località. I musei delle città capoluogo saranno citati in un prossimo lavoro, questo spazio lo voglio dedicare a quei musei di città e cittadine di provincia. La disposizione assume pertanto questa connotazione:

-    Museo Archeologico
-    Museo Artistico
-    Museo Etnografico
-    Museo Misto
-    Museo Naturalistico
-    Museo Specializzato o specifico
-    Museo Storico
-    Museo Tecnico/Scientifico
-    Museo Territoriale

Inizio dunque da musei a tipologia archeologica.

ANGERA – Museo Civico Archeologico. Cittadina in provincia di Varese sull’ansa meridionale del lago Maggiore. La sede è in Via Marconi, 2, presso il Palazzo del Pretorio, un edificio del tardo quattrocento. Il museo aprì le sue sale al pubblico nel 1976, dopo che erano state rinvenute in una necropoli romana, già conosciuta dal 1800, ben sessantacinque tombe. L’esposizione si svolge nelle sale superiori del palazzo ed è divisa in due sezioni: quella preistorica, con reperti risalenti al paleolitico, e ritrovamenti avvenuti all’interno di una caverna, detto “ antro mitriaco”, adibita in epoca romana al culto del dio Mithra. Nella seconda sala si possono ammirare reperti provenienti dalla necropoli romana, databili tre il I e il III secolo d.C., in parte materiale trovato nel villaggio di Vicus Sebuinos. Vi sono anche lucerne, chiodi, coltelli e altro materiale ancora.
Per informazioni: museoarcheologicodiangera@gmail.com – tel. 0331/931915.

ARSAGO SEPRIO – Civico Museo Archeologico, sito in Viale Vanoni, 20. Cittadina in provincia di Varese. Il Museo raccoglie nelle tre sale i reperti archeologici condotti negli ultimi trent’anni dalla Soprintendenza. Sono raccolti reperti della necropoli longobarda – VII secolo -, corredi funerari di una necropoli romana e di una tomba gallica del I secolo a.C. ospitano inoltre una collezione paleontologica di oltre 400 pezzi: tra questi un’interessantissima collezione del Giurassico di Solnhofen in Baviera, e dell’Eocene di Bolca.
Per informazioni telefonare allo 0331/299927 presso il Comune.

ASOLA – Civico Museo Archeologico Goffredo Bellini, sito in Via Garibaldi, 7. Cittadina in provincia di Mantova. Il visitatore può seguire un’esposizione organizzata per percorsi cronologici e tematici. Tre sono le sale espositive; nella prima sala si possono ammirare reperti del Paleolitico, passando poi dall’età del Rame e del Bronzo, la seconda sala ospita un percorso storico delle popolazioni dai Celti, agli Etruschi, ai Romani. Interessanti i corredi funerari celtici della necropoli di Carzaghetto- Cultura di La Tène. La terza sala ospita oggetti ceramici di età romana. La visita termina nella sala dedicata all’Epigrafe.
Per informazioni: www.comune.asola.mn.it/cultura/museobellini.htm - telefono: 0376/710171.

BIANDRONNO – Civico Museo Archeologico, sito in via Isola. Comune in provincia di Varese. Il museo raccoglie ingente materiale reperito negli scavi condotti nell’Isolino Virginia a partire dell’ottocento. Molto interessante l’esposizione che evidenzia gli insediamenti palafitticoli, uno dei più importanti d’Europa, che dall’età neolitica a quella del Ferro si susseguì sull’isola del piccolo lago di Biandronno.
Per informazioni: telefono 0332/766268.

CAPO DI PONTE – In questa località in provincia di Brescia, vi è più di un museo attinente l’archeologia. È, infatti, il centro mondiale dell’arte rupestre preistorica e sito Unesco.  È possibile visitare il CENTRO CAMUNO DÌ STUDI PREISTORICI, dove sono esposti reperti e documenti inerenti siti di arte rupestre nel mondo. Il Museo DIDATTICO D’ARTE E DÌ VITA PREISTORICA. Il museo sorge nei pressi dei Massi di Cemmo, vicino al parco di Seradina-Bedolina. Raccoglie una serie di reperti preistorici e protostorici, attraverso i quali si ricostruisce la lavorazione dell’argilla e della selce da parte degli antichi camuni. Il museo comprende l’Archeodromo, dove si svolgono sperimentazioni e ricostruzione di oggetti di tipo preistorico. Il PARCO NAZIONALE DELLE INCISIONI RUPESTRI a Naquane che raccoglie oltre 300.000 incisioni rupestri preistoriche della Valcamonica, dall’età del Bronzo all’età Romana. Il parco si apre su un territorio di trenta ettari.
Per informazioni: Agenzia Tursitico Culturale Comunale di Capo di Ponte, tel. 0364/42104 – Infopoint di Capo di Ponte, tel. 0364/42104 – E-mail agenzia.capodiponte@libero.it

CASTELLEONE – Museo Civico Archeologico sito in via Roma, 67. Castelleone è in provincia di Cremona. Il Museo si trova all’interno del settecentesco palazzo Brunenghi-Salvago. L’esposizione documenta la storia dell’uomo dal Mesolitico all’Alto Medioevo nel territorio. Interessante presenza di strumenti in pietra scheggiata del Mesolitico e asce in pietra levigata del Neolitico, così come la presenza di corredi tombali celtici risalenti alla seconda età del Ferro.
Per informazioni: tel. 0374/356344 – E mail: biblioteca@comune.castelleone.cr.it

CAVRIANA – Museo Archeologico dell’Alto Mantovano, sito presso Villa Mirra – Piazza Castello, 8. Cavriana è in provincia di Mantova. L’esposizione è distribuita su undici sale, e consta di quattro sezioni: cinque sale per la preistoria, due sale per l’età romana, due sale per l’età rinascimentale e risorgimentale e due sale per laboratori didattici. Interessanti gli utensili in pietra, i monili, le ambre, il mosaico romano e una sepoltura longobarda.
Per informazioni: tel. 0376/806330 – E mail – museo.cavriana@libero.it

CETO – Riserva Naturale Incisioni  Rupestri Ceto, Cimbergo e Paspardo, sito a Nadro in Via Piana, 29. Ceto è provincia di Brescia. All’interno della riserva sono conservate oltre quattrocento rocce con incisioni rupestri. Diversi sono i percorsi possibili: area Foppe, con accesso da Nadro, area Campanine, dal paese di Cimbergo e aree Plas da Paspardo. La visita può iniziare dal Museo didattico a Nadro di Ceto, dove saranno fornite tutte le informazioni necessarie.
Per informazioni: tel. 0364/433465 – E mail – riservaincisioni.museo@arterupestre.it  

CIVIDATE CAMUNO – Museo Archeologico Nazionale, sito in Via Roma, 29. Cividate Camuno è in provincia di Brescia. Nel museo è conservata un’interessante raccolta epigrafica. Sono esposti materiali di notevole interesse provenienti dalle necropoli di Cividate, Borno e Breno. Il pezzo più importante è una statua della dea Minerva, recentemente sottoposta a un attento restauro, e sita nel santuario di Minerva in Breno. Molti sono gli oggetti presenti, monete, utensili, laterizi, fibule, pavimenti a mosaico e altro ancora. Possibile visitare il parco archeologico con anfiteatro romano.
Per informazioni: tel. 0364/344301 – E mail museo archeologico.vallecamonica@beniculturali.it

CORBETTA – Museo Archeologico Villa Pisani Dossi, sito in Via Mussi, 38. Corbetta è in provincia di Milano. Il museo è diviso in due parti, al piano superiore si trova la collezione di materiale proveniente da Roma, dalla Grecia e dalla Colombia; al piano terra si trovano reperti di scavi effettuati a Corbetta, Riazzolo e Albairate, con ricostruzioni di tombe con annessi corredi funebri.
Per informazioni: tel. 392.5755486

DESENZANO DEL GARDA – Museo Civico Archeologico, sito in Via Dal Molin, 7c. Desenzano è in provincia di Brescia. La raccolta principale è costituita da materiale dell’età del Bronzo, nel sito palafitticolo del Lavagnone. Una sezione è dedicata alle fasi del Paleolitico, Mesolitico e Neolitico.
Per informazioni: tel. 030/9144520 – 9994215 –E mail cdes.museo@onde.net

DESENZANO DEL GARDA – Museo Archeologico Villa Romana-Antiquarium, sita in Via Crocefisso, 22. Si possono ammirare i resti di una grande villa romana e un modesto antiquarium che raccoglie statue, dipinti e alcuni pannelli.
Per informazioni: tel. 030/9143547

ERBA – Civico Museo Archeologico, sito in Via Foscolo, 23. Erba è nella provincia di Como. Il museo è disposto in più sale, dove sono esposti materiali diversi. Le prime due sale sono dedicate all’età moderna, indi si entra nella sala dedicata al Medioevo per poi proseguire visitando le sezioni riguardanti l’età Tardoantica e l’età Romana. La quarta sala è dedicata alla Preistoria e alla Protostoria, con materiale risalente all’età del Bronzo. Reperti paleontologici sono ospitati nelle due successive sale. Anche nel cortile d’ingresso si possono ammirare reperti in pietra di notevole mole.
Per informazioni: 031/3355341 – E mail: museoerba@libero.it

GAMBOLO’ – Museo Archeologico Lomellino, sito in Piazza Castello. Gambolò si trova in provincia di Pavia. Il museo si conforma su quattro sale, la prima dedicata alla Preistoria e Protostoria, nella seconda si può conoscere la storia dei riti funebri, la terza sala ci intrattiene sulla vita e il costume nella II età del Ferro, infine nella quarta sala esposizione dell’età Romana.
Per informazioni: tel. 0381/938256/930781-E mail: assarcheolom@libero.it

GOLASECCA – Museo Archeologico di Golasecca o Antiquarium, sito in Piazza della Libertà, 5. Golasecca si trova in provincia di Varese. Il museo è ospitato in una sala del Comune e ospita importantissimi reperti archeologici risalenti alla prima Età del Ferro. Moltissimi sono gli oggetti che fanno riferimento alla Cultura di Golasecca di derivazione Etrusca. È poi possibile visitare la Necropoli di Monsorino, sita nelle vicinanze di Golasecca.
Per informazioni: tel. 0331/958850 – E mail: info@comune.golasecca.va.it

LENO – Civico Museo Storico Archeologico, sito in Piazza Dante, 3. Leno è una località in provincia di Brescia. Il museo è ubicato nel palazzo Comunale e raccoglie testimonianze dall’Età del Bronzo all’Alto Medioevo. Interessante il materiale epigrafico e preziosi corredi funebri.
Per informazioni: tel. 030/90461 – E mail: info@comune.leno.bs.it  

MANERBA DEL GARDA – Museo Civico Archeologico della Valtenesi, sito in Via Rocca, 20. Manerba è un comune della provincia di Brescia. Il museo ospita reperti provenienti da scavi attuati sul territorio, riportando reperti risalenti al Neolitico.   Si possono vedere il sito pluristratificato, risalente al periodo Mesolitico al XVI secolo; i resti di una villa romana e i resti di un abitato palafitticolo dell’età del Bronzo.
Per informazioni: tel. 339 6137247 – E mail: museodimanerba@libero.it

MANERBIO – Museo Civico Archeologico di Manerbio, sito in Palazzo Luzzago Piazza C.Battisti, 2. Comune in provincia di Brescia. La superficie espositiva si sviluppa in due ampi saloni; la prima sala ospita un percorso cronologico che segue l’evoluzione degli insediamenti umani nel territorio della Pianura Brasciana, la seconda sala ospita mostre temporanee incentrate su temi storico-culturali. Sono esposti reperti del Neolitico, dell’età del Rame e del Bronzo, dell’età del Ferro, dell’età Romana e Alto e Post Medioevo.
Per informazioni: tel. +39 030/9387297

OSTIGLIA – Museo Archeologico sito in Palazzo Foglia Piazza C. Napote, 2. È un comune in provincia di Mantova. Il museo conserva reperti archeologici rinvenuti sul territorio databili tra il Neolitico e il XIX secolo. Si possono ammirare strumenti in selce risalenti al mesolitico antico, materiale dell’Età del Bronzo e del Ferro, anfore, vasellame, monete imperiali e una piccola raccolta lapidea di stemmi marmorei.
Per informazioni: tel. 0386/31338

PEGOGNAGA – Museo Civico Archeologico sito in Piazza V. Veneto, 16. Pegognaga è un comune della provincia di Mantova. Il museo raccoglie circa 750 reperti archeologici di età romana provenienti dall’area archeologica di San Lorenzo – visitabile – Un reperto di grande pregio è il capitello di ordine tuscanico del I sec. d.C. recante l’iscrizione PADO PATRI, divenuto poi simbolo del Comune. Vi sono inoltre monete, gemme, vetri, ceramiche e altro ancora.
Per informazioni: tel. 0376/5546401 – E mail: museo@centroculturalepegognaga.it

PIADENA – Museo Archeologico “Antiquarium Platina”, sito in Piazza Garibaldi, 3. Piadena è un comune della provincia di Cremona. Il museo raccoglie reperti archeologici dal Neolitico all’età longobarda; ceramiche medievali del XV e XVI secolo. Alcuni pezzi interessanti sono una statuetta fittile neolitica e una stele funeraria dei primi decenni del I secolo d.C.
Per informazioni: tel. 0375/380131- E mail: info@museo-piadena.net  

REMEDELLO – Museo Civico Archeologico, sito in Piazza Bonsignori. È un comune della provincia di Brescia. La collezione del museo è composta soprattutto da reperti provenienti dall’Età del Bronzo nell’area benacense. Vi si trovano reperti ceramici, litici, di legno e di osso, databili alla cultura di Polada (Bronzo antico) e alla cultura palafitticola-terramaricola (Bronzo medio e recente).  È possibile osservare anche alcuni materiali risalenti all’età del Ferro.
Per informazioni: tel. 030/957477 – Link: www.comune.remedello.bs.it/info-servizi/musei.cfm  

RHO – Saletta Archeologica Rhodense, sita in Corso Europa, 291. Rho è un comune in provincia di Milano. La collezione raccoglie reperti di epoca romana, tra questi alcuni oggetti legati al culto funerario del rito della cremazione; resti di tombe cristiane e oggettistica varia, urne, balsamari eccetera.
Per informazioni: tel. +39 02/93332215

SALO’ – Civico Museo Archeologico, sito in Via Fantoni, 49. Salò è un comune in provincia di Brescia. Il museo raccoglie importanti reperti, soprattutto di epoca romana, tra cui si evidenzia: una stele funeraria del III sec. d.C.; un cippo funerario di Letilio Firmino e altri interessanti reperti.
Per informazioni: tel. 338 6482117.

SAN COLOMBANO AL LAMBRO – Museo Paleontologico e Archeologico, sito in Via Monti, 47. È un comune in provincia di Milano. La collezione presenta una sezione paleontologica e una archeologica. La prima riporta la datazione dall’Archeano ai giorni nostri. Una prima vetrina è dedicata ai “tipi litologici”, una seconda è dedicata ai gasteropodi e ai molluschi marini, la quarta vetrina presenta i lamellibranchi con l’interessante presenza dei pettinidi, la quinta vetrina è dedicata alla microfauna. Con la sesta vetrina ammiriamo mammiferi diffusi nella Pianura Padane nel Pleistocene. Nella settima possiamo osservare una porzione di calotta cranica e parte di mandibola di Homo sapiens sapiens, mentre nella successiva è dedicata al rinoceronte Stephanorhinus, sino all’undicesima si possono osservare frammenti di scheletro di grossi animali. Nella sala adiacente si entra nella parte riservata all’archeologia, con la presenza di tombe, materiali di costruzioni, vasellame, olle e altri interessanti reperti.
Per informazioni: tel. 0371/2931 – centralino – E mail: protocollo@comune.sancolombanoallambro.mi.it

SIRMIONE – Museo Archeologico e grotte di Catullo, sito in Piazzale Orti Manara, 4. Sirmione è un comune della provincia di Brescia. Moltissimo e assai interessante il materiale raccolto dell’età del Bronzo antico sino all’età del Ferro. La maggior parte degli spazi espositivi è occupata da oggetti rinvenuti nel corso degli scavi effettuati nell’ultimo cinquantennio. Ampio spazio è dato agli oggetti di uso quotidiano, alle numerose monete e corredi funebri. È presente anche una sezione dedicata a ritrovamenti medievali.
Per informazioni: tel. 030/916157 – E mail: grottedicatullo.sirmione@beniculturali.it

Questi sono i musei tipicamente a vocazione archeologica, altre esposizioni che raccolgono materiale archeologico saranno descritte nei “musei misti”, poiché presentano una raccolta di materiale e tipologia diversa.

Il Barbapedana

vedi anche i Musei di Milano

Pin It

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per migliorare i propri servizi. Continuando accetti tale utilizzo.