• Home
  • Milano da Vivere
  • Musei
  • Nasce a Milano MemoMi, il nostro bagaglio dei ricordi che apre le porte ad una nuova era della museologia italiana

Nasce a Milano MemoMi, il nostro bagaglio dei ricordi che apre le porte ad una nuova era della museologia italiana

memomi2E' definito museo "un'istituzione permanente, senza scopo di lucro, al servizio della società e del suo sviluppo. È un luogo aperto al pubblico, e compie ricerche che riguardano le testimonianze materiali e immateriali dell'umanità e del suo ambiente; le acquisisce, le conserva, le comunica e, soprattutto, le espone a fini di studio, educazione e diletto".

A Milano il museo ha tutta un’altra forma, un altro aspetto, è tutta un’altra storia.

E’ nato il 23 settembre memoMI, il nuovo museo virtuale che non ha fondamenta né radici; non è un luogo da visitare, girare, sottostando a pratiche a volte noiose e scomode, come rispettare una fila e pagare il biglietto. MemoMI è una vera e propria rivoluzione!

E’ il museo che ti porti con te, che ti segue ovunque vai, alla riscoperta della citta di Milano. Come? E’ sufficiente disporre di una connessione internet e accedere semplicemente al portale memomi.it.

memomi1

Ora accantonate per un momento l’idea comune del termine museo in un angolo della vostra mente. MemoMI è  un progetto innovativo promosso dall’associazione “Chiamale Storie”, dal patrocinio del comune di Milano, dalla regione Lombardia, dall’ordine degli architetti, paesaggisti, pianificatori… E’ un lavoro di ricerca svolta sia attraverso archivi pubblici, sia da testimonianze private, quali fotografie, video, ricordi confusi e a volte dolorosi di chi la storia l’ha davvero vissuta. Vanta la collaborazione di tutte quelle persone che sono convinte che anche la città, insieme ai cittadini che la abitano, abbia una memoria; racchiude di fatto al suo interno un’infinità di ricordi, lontani e recenti, tristi o gioiosi, che se non siamo noi ad incanalare, a raccogliere in una grande scatola dei ricordi, svaniscono con il passare del tempo e delle generazioni, rischiando di perdere la vera identità di questa grande città.

A chi non è mai capitato di entrare in un ristorantino in centro, e di soffermarsi affascinato davanti ad una vecchia fotografia della piazza del Duomo, datata 1915? A me capita spesso, e tutte le volte mi perdo nella mia fantasia, e mi diverto a riconoscere i particolari rimasti immutati nel tempo, e ciò che invece la nostra società contemporanea ha trasformato nel corso degli anni.

MEMOMI è il nostro bagaglio di ricordi virtuale, al quale tutti possono accedere facilmente con un solo click. Grazie a questa nuova iniziativa possiamo passeggiare per le vie di Milano accompagnati dalle parole di chi la città l’ha davvero vissuta, e ne ha tratto ispirazione per grandi capolavori. Basta un click e ti ritrovi improvvisamente nella Milano di Hemingway, e riscopri nuovamente la città attraverso gli occhi del grande scrittore. Ascoltando le parole del suo romanzo “Addio alle armi” ci si perde nella Milano della Prima Guerra Mondiale. Si vive direttamente il terrore e l’angoscia del momento, dato dal conflitto che sporcava di sangue la città,  riccamente conditi da una romantica storia d’amore ricamata dall’autore stesso. E non è tutto, basta un altro click e passeggiamo in compagnia di Giovanni Verga, Pierpaolo Pasolini, Francesco Hayez, e molti altri. 

Un vero tuffo nel passato che diventerà famigliare anche nelle scuole; una nuova occasione per rendere lo studio della storia più divertente agli occhi dei ragazzi, e materiale didattico utile per facilitare il lavoro degli insegnanti.

Un museo in movimento e in continua evoluzione. Prossimamente si potranno anche trovare delle istallazioni del portale MemoMi in vari punti della città.

MemoMi offre alla gente una nuova possibilità di risalire alle origini, alla nascita del nostro centro, e alle ragioni che l’hanno resa la Milano che viviamo ora.

Copyright © 2006 - 2019 MilanoFree.it, testata registrata Trib. Milano n. 367 del 19/11/2014  IT13181390157 MILANO TORINO PAVIA RIMINI